CHIUDI
CHIUDI

15.09.2019

Fiume di cordoglio anche sul web per Matteo Dusi

I famigliari di Matteo Dusi piangono la scomparsa del loro caro e attendono il nullaosta della magistratura per fissare la data dei funerali. Il 47enne consulente finanziario Mediolanum, residente a Cerea, sposato e papà di due bambine, è deceduto l’altro ieri in un incidente stradale in via Stazione, a Ca’ di David. L’uomo, al volante della sua classe A, ha perso improvvisamente il controllo del veicolo, forse a causa di un malore, e anziché affrontare una curva a gomito è andato diritto contro un muro. La dinamica è al vaglio della polizia municipale di Verona. All’arrivo dei soccorritori, purtroppo per l’uomo oramai non c’era più nulla da fare. In Via Salieri, dove l’uomo viveva in una bella villa assieme alla moglie Marika e le due bambine di 5 e 11 anni, ieri il campanello suonava a vuoto. Dusi era originario di Engazzà di Salizzole, mentre la moglie, proviene da Villa Bartolomea. I due erano a venuti a vivere a San Vito di Cerea circa 8 anni fa ed erano sposati da sei. «Siamo scioccati e addolorati», dice un vicino di casa. «Quando venerdì si è diffusa la notizia della morte di Matteo speravamo in un errore, purtroppo non era così». Dusi amava viaggiare, cucinare, giocare a golf e soprattutto stare con la sua famiglia. La moglie Marika e le due piccole erano le «sue donne», amava ripetere. Il dolore per la sua morte ieri si è riversato anche sui social. Dusi aveva un sito personale per il suo lavoro ed era molto attivo su Facebook. «Ti ho visto nascere, crescere, diventare un uomo spettacolare. Sono senza parole. Annichilita, mi stringo nel dolore alla tua famiglia», scrive Beatrice. «Non esistono parole per poter colmare un dolore e un vuoto così grande», dice un’amica di Marika. «Le siamo tutti vicino e pronti ad aiutarla per qualsiasi cosa abbiano bisogno lei e le sue bambine». •

F.S.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1