CHIUDI
CHIUDI

20.07.2019

Serbo, non veronese:
la Questura di Milano
risolve il mistero

La Questura di Milano
La Questura di Milano

È serbo l’uomo, arrestato dalla polizia di Milano, il quale, hanno denunciato i suoi legali, sarebbe invece italiano, nato a Bovolone. La Questura di Milano puntualizza che Duliano Jovanovic, «nato il 3 marzo 1986 a Lebach, con diversi alias», come risulta da copia del passaporto serbo «non è cittadino italiano, ma ha nazionalità serba».

 

In occasione di un controllo lo scorso 13 luglio, l’uomo che non aveva documenti, ha detto di essere Mario Hudorovich, di cittadinanza italiana. Dalla verifica in banca dati e dal riscontro delle impronte digitali è emerso che è stato titolare di carta d’identità italiana, ottenuta effettivamente dal Comune di Milano, ma con l’identità fittizia di Mario Hudorovich, come accertato all’esito di precedente controllo e come segnalato in banca dati SDI. Il documento è stato sequestrato il 24 maggio dalla Polizia di Frontiera all’aeroporto di Malpensa. Per questo, è stato denunciato per false attestazioni a pubblico ufficiale e sono in corso approfondimenti sulle modalità con le quali sia riuscito ad ottenere il rilascio del documento.

 

«Trattandosi di cittadino extracomunitario irregolare sul territorio nazionale - spiega una nota - è stato emesso provvedimento di espulsione dal Prefetto di Milano» e l’uomo è trattenuto nel C.P.R di Torino, «in attesa di ottenere il documento originale necessario per il rimpatrio». Il trattenimento è stato convalidato il 17 luglio. Erano stati i suoi avvocati a rendere nota la vicenda, denunciando che lo Stato italiano aveva deciso di espellere uno «suo cittadino», nato a Bovolone (Verona), verso un altro Paese, la Serbia, dove non è nato.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1