CHIUDI
CHIUDI

29.12.2019

In arrivo le cartelle delle tasse non pagate

Cartelle delle tasse: a Bovolone parte il recupero dell’evaso
Cartelle delle tasse: a Bovolone parte il recupero dell’evaso

L’azione di recupero coattivo dei tributi locali evasi - la Tariffa di igiene ambientale (Tia), la Tassa sui rifiuti e sui servizi (Tares) e la Tassa sui rifiuti (Tari) - dal 2012 fino ad oggi per le prime due e per il 2018 della terza, è pronta a partire. Terminato l’accertamento, gli uffici comunali procederanno ora con il contrasto all’evasione delle tasse affidando a una società esterna specializzata, l’Area srl, la riscossione coattiva. Gli accertamenti hanno permesso di quantificare un’evasione di circa 31 mila euro. In base agli avvisi di accertamento emessi per la Tia, per la Tares e la Tari, a partire dal 2012 e fino al 2018, risultano mancare alle casse comunali 30.713 euro mila euro. Inoltre, è emerso che 4.035 euro sono relativi ad una società, dichiarata fallita con sentenza arrivata successivamente all’emissione degli accertamenti e perciò i crediti di questa azienda verranno inseriti nel passivo della procedura concorsuale affidata dal Tribunale fallimentare a un curatore. L’incarco per la riscossione coattiva è stato affidato al concessionario Areariscossioni srl, ora Area srl, con sede legale a Mondovì, in provincia di Cuneo. La società si occupa del recupero forzoso di tutte le entrate comunali: tributarie, extratributarie, sanzioni amministrative del codice della strada, nonché di tutte le altre entrate patrimoniali di diritto pubblico. In base al prospetto riepilogativo elaborato dall’Ufficio Tributi deve emettere atti di ingiunzione per un totale di 26.678 euro. Dalle analisi e dagli studi, emerge che la tassa sui rifiuti è tra le più evase a livello nazionale: in media, una famiglia su cinque non la paga, in Italia. Il dato è frutto di un’analisi condotta sui bilanci dei comuni italiani, partendo dai mancati incassi su base pro capite relativi alla tassa rifiuti del 2016. Il Veneto risulta tra le regione con il tasso di evasione ben sotto la media. L’azione di riscossione è ritenuta tuttavia dall’amministrazione indispensabile per il mantenimento del pareggio tra costi e ricavi che la legge impone per la gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Si tratta insomma di un’azione dovuta ai cittadini che versano regolarmente la tassa per una città pulita. •

RO.MA.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie