Albaredo d'Adige

Auto si schianta dentro al capitello. Il sindaco: «Va spostato»

L’edicola riduce la visibilità in via Ca’ del Sette. Per fortuna il giovane automobilista ne è uscito senza ferite
L’incidente contro il capitello avvenuto ieri mattina
L’incidente contro il capitello avvenuto ieri mattina
L’incidente contro il capitello avvenuto ieri mattina
L’incidente contro il capitello avvenuto ieri mattina

Ancora un incidente al capitello della Madonna di via Ca’ del Sette ad Albaredo d'Adige e lo spostamento del manufatto religioso sta diventando di giorno in giorno più urgente.

Alle 6 del mattino di ieri, una Volkswagen Polo di colore nero, condotta da un ventenne di Verona, è sbandata ed è finita contro il tempietto ottocentesco all’incrocio tra la strada provinciale 18 per Legnago e via Ca’ del Sette, fortunatamente senza conseguenze per il conducente. L’automobilista stava viaggiando da Minerbe in direzione di San Bonifacio ed è stato probabilmente tradito dalla nebbia che, anche se non fitta, a quell’ora era comunque presente lungo le strade della Bassa veronese. Non sono stati fortunatamente coinvolti altri veicoli nell’incidente: la fuoriuscita della Polo è stata autonoma.

Capitello pericolante, transenne per evitare crolli

Oltre ai carabinieri della stazione di Ronco all’Adige, che sono intervenuti per effettuare i rilievi del caso, è uscita anche una squadra di vigili del fuoco di Caldiero, allertata dal servizio di rimozione per verificare la tenuta del portico del capitello, considerato il forte urto che ha subito il tempietto. L’auto, alla fine, è stato estratta senza provocare alcun crollo, anche se il pronao rimane pericolante e dunque pericoloso.

Al termine delle operazioni di rimozione e pulizia della strada, infatti, sono state poste delle transenne per impedire che le persone si fermino sotto al portico e corrano pericoli. In passato, a causa di altri incidenti che hanno coinvolto la struttura religiosa e hanno fortemente danneggiato le colonne, sono stati installati dei puntelli che sostengono il timpano. È grazie a questi sostegni che il frontone non è piombato sul parabrezza dell’auto: avrebbe potuto sfondarlo e ferire seriamente il giovane.

Accordo con il proprietario per spostare il tempietto

Purtroppo, nonostante sia regolato da un impianto semaforico, l’incrocio fra via Piave, la Provinciale e via Ca’ del Sette è molto pericoloso e il capitello costituisce un ostacolo alla visibilità. Da tempo, l’amministrazione comunale di Albaredo sta dialogando con il proprietario del tempietto ottocentesco per decidere lo spostamento del fabbricato in via Ca’ del Sette. Ora che il privato ha percepito i soldi dell’assicurazione di un precedente incidente, ha sufficienti risorse per finanziare il trasferimento.

Il Comune si è detto disponibile ad acquisire un’area più sicura, 200 metri prima dell’incrocio, dove in passato c’era una fabbrica tessile. «Avevamo raggiunto un primo accordo con il proprietario dell’area per la cessione della superficie che ci occorre per insediarvi il capitello, ma non è ancora stato definito», riferisce il sindaco Giovanni Ruta.

«Se non sarà possibile raggiungere un’intesa, procederemo con l’esproprio ma serviranno tempi più lunghi». Una volta trasferito il capitello, l’intenzione dell’amministrazione è di mettere in sicurezza l’intersezione mediante la costruzione di una rotatoria. Per realizzare un’opera simile, tuttavia, ci vogliono anni e un impegno finanziario molto elevato, almeno 300 mila euro. Si tratta di un progetto a lungo termine, per cui al momento non sono ancora disponibili risorse specifiche

Paola Bosaro