Noi al Centro,
qui si fa
tutto insieme

Pensionati e giovani giocano a tombola al Circolo NoiL’Associazione Contrada di Pellegrina ai fornelli nelle varie manifestazioni di Isola della ScalaMattia Dal Forno
La sala bar del Centro Noi  di Pellegrina con addobbi stagionaliIl gruppo del Canto della Stella con i suoi brani prepara la comunità dalla festa del Santo NataleI volontari preparano la tradizionale grigliata del 25 Aprile
Pensionati e giovani giocano a tombola al Circolo NoiL’Associazione Contrada di Pellegrina ai fornelli nelle varie manifestazioni di Isola della ScalaMattia Dal Forno La sala bar del Centro Noi di Pellegrina con addobbi stagionaliIl gruppo del Canto della Stella con i suoi brani prepara la comunità dalla festa del Santo NataleI volontari preparano la tradizionale grigliata del 25 Aprile

Mattia Dal Forno ha 25 anni e lavora nell’azienda agricola di famiglia. È lui, giovane consigliere, a raccontarci la storia del Centro Noi. «È stato fondato nel 1998 da don Giuseppe Campara, che è stato parroco dal 1998 al 2008. Fu sua l’iniziativa di trasformare l’ambiente d’ingresso, che era il magazzino dell’Associazione Festeggiamenti in Contrada. Con il contributo di molti volontari hanno fondato l’Anspi e ristrutturato il locale dotandolo di un piccolo bar. Sono iniziate le prime feste come 25 aprile, 1° maggio, l’ultimo dell’anno ed è partito il movimento dell’aggregazione con un bel numero di turnisti che garantivano l’apertura del bar». In seguito, «lavorando duramente, hanno ricavato il parco giochi. Quindi, con don Wadih Heraiz, sono iniziati, con grande partecipazione delle aziende, i lavori di restauro degli ambienti parrocchiali trasformando la vecchia chiesa in salone polifunzionale con materiali di prima qualità e rifiniture». Dal Forno continua: «Don Luca Masin ha ricomprato la vecchia canonica e l’ha ristrutturata, ha comprato parte del terreno che attualmente completa il parco ed ha definitivamente completato la sala giochi del Circolo Noi abbellita, nel 2014-15, da un murales dipinto da sette-otto adolescenti. Con don Guido Varalta le attività sono proseguite e il gruppo dei turnisti al bar è più che raddoppiato. Da alcuni anni abbiamo attrezzato la sala giochi con tende ignifughe; abbiamo acquistato anche un videoproiettore che ci permette delle proiezioni adatte ai ragazzi». Mattia, con un malcelato entusiasmo, continua nell’elencazione delle iniziative: «Ora il Centro Noi, nell’arco dell’anno, propone diverse iniziative anche con l’aiuto delle varie associazioni del paese, specialmente l’associazione “Contrada e festeggiamenti di Pellegrina”. Da noi ci sono feste particolarmente sentite a cominciare dal Carnevale. Il Carnevale con la cuccagna e i carri in piazza. C’è la tradizione che, con le varie associazioni, si preparano in piazza gli spaghetti con le sardelle e gli spaghetti all’amatriciana, le frittelle fatte a mano dalle nostre volontarie e altri stand gastronomici. Da qualche anno, nelle giornate di sabato del periodo carnevalesco, le volontarie si impegnano a impastare e vendere prodotti tipici come i galani e le frittelle; con il ricavato si sostengono le attività del Circolo. Altra festa molto sentita, e che quest’anno raggiungerà la sesta edizione, è la Festa della donna per sottolineare il valore della figura femminile e per ringraziare le donne per tutto quel che fanno anche qui nel nostro Circolo. Organizziamo una bella cena di gala con i camerieri uomini tirati a pennello con il dj». Mattia prosegue nell’elenco: «La domenica pomeriggio proiettiamo dei film per i ragazzi e, spesso, organizziamo delle tombolate per anziani e bambini. Facciamo la grigliata del 25 aprile, festeggiamo la Pasquetta e il 1° maggio: dipende da come cadono le date. Abbiamo raggiunto la sesta edizione anche del “Muoviti con Noi”, la seconda domenica di giugno: una giornata sportiva dedicata al movimento all’aria aperta. Il tema principale è costituito dai giochi con l’acqua: il parco giochi si veste a festa e, pur essendo frequentata da tutto il paese, è principalmente la festa dei giovani e dei bambini. Grandi gonfiabili ad acqua, biciclette, camminata non competitiva tra i campi, tornei di pallavolo. Nelle scorse edizioni abbiamo fatto anche rappresentazioni di karate. Quest’anno pensiamo di svilupparla su due giornate». In settembre c’è la sagra del paese che, ricorda Dal Forno, «occupa tutta la piazza sulla quale si svolgono serate di liscio con orchestre; anche il Centro Noi partecipa mettendo a disposizione il parco giochi e nelle serate della sagra non mancano le serate musicali con dj. Nel salone polivalente proponiamo hamburger e patatine. E poi c’è la Fiera del riso. Partecipiamo anche noi dando una mano, per tutto il mese, nel bar gestito dall’associazione Contrada; inoltre facciamo servizio nel ristorante in gestione alla Contrada, durante la Fiera del bollito con la pearà». In ottobre, riprende Mattia, «abbiamo proposto la seconda edizione del “Canta con Noi”. È una manifestazione canora che si svolge in teatro la domenica pomeriggio e richiama la “Corrida”. L’iniziativa raccoglie l’attenzione anche di molti concorrenti dei paesi vicini. Partecipato è anche il “Canto della Stella” per le vie del paese; il ricavato quest’anno è stato devoluto in parte al “Piccolo coro” e il resto all’asilo. Da qualche anno, durante il periodo natalizio allestiamo, oltre agli addobbi all’interno del Circolo, un mini villaggio di Natale sulla piazza con la casetta natalizia, la moquette rossa e tanti pini. Abbiamo creato un calendario eventi molto ricco: siamo partiti il 30 novembre con una rassegna teatrale partecipata e abbiamo continuato il sabato con i laboratori creativi, coinvolgendo i bambini a preparare lavoretti. Partecipate anche le feste di Santa Lucia e quella dell’Epifania con il falò della Befana e la distribuzione di bevande calde e dolci». •

Gian Battista Muzzi