OGGI Ecco chi e come si lavora dietro le quinte della casa editrice Neri Pozza

Un team di professionisti che lavora in squadra per il successo dei libri

Il team dell’editrice Da sinistra, in alto: Claudia Sartori, Francesca Colletti, Nicoletta Bettucchi, il direttore editoriale Giuseppe Russo. In basso da sinistra Alice Canosi, Benedetta Senin, Francesca Diotallevi, Lucrezia Bivona.
Il team dell’editrice Da sinistra, in alto: Claudia Sartori, Francesca Colletti, Nicoletta Bettucchi, il direttore editoriale Giuseppe Russo. In basso da sinistra Alice Canosi, Benedetta Senin, Francesca Diotallevi, Lucrezia Bivona.
Il team dell’editrice Da sinistra, in alto: Claudia Sartori, Francesca Colletti, Nicoletta Bettucchi, il direttore editoriale Giuseppe Russo. In basso da sinistra Alice Canosi, Benedetta Senin, Francesca Diotallevi, Lucrezia Bivona.
Il team dell’editrice Da sinistra, in alto: Claudia Sartori, Francesca Colletti, Nicoletta Bettucchi, il direttore editoriale Giuseppe Russo. In basso da sinistra Alice Canosi, Benedetta Senin, Francesca Diotallevi, Lucrezia Bivona.

“Ogni progetto non è mai il ‘mio’, ma il ‘nostro’. Valutiamo insieme, ciascuno per le proprie competenze, il lavoro da fare su un libro, e questa condivisione continua arricchisce il lavoro di tutti”. Queste parole di Francesca Colletti, responsabile Marketing e Digitale, potrebbero essere quelle scelte da ciascuno dei collaboratori che vanno a formare la grande squadra della casa editrice Neri Pozza. Un team di professionisti di diversa formazione, età, origine che si trovano a dare vita oggi, con la direzione di Giuseppe Russo, a un concerto di voci in gran parte femminile e unico nel panorama dell’editoria. Li incontriamo tutti, allora, andando a scoprire il dietro le quinte della casa editrice. Nicoletta Bettucchi, caporedattrice, segue la lavorazione di tutti i libri Neri Pozza e BEAT dall'arrivo del testo al libro stampato, coordinando il lavoro dei traduttori, collaboratori e stampatori. Sabine Schultz, nata in Germania e arrivata in Italia per motivi di studio, copre il ruolo di editor della narrativa straniera dal 2011, ma era già prima grande lettrice dei libri Neri Pozza. Francesca Diotallevi, redattrice dal 2016, si occupa di scrivere i risvolti di copertina dei libri, dei materiali promozionali per le librerie e dell'ufficio manoscritti, occasionalmente anche editor e ghost writer. Prima di entrare a far parte della redazione era già un'autrice di Neri Pozza, avendo vinto la seconda edizione del Premio, nella sezione giovani, con il romanzo Dentro soffia il vento. Alice Canosi, tra le ultime arrivate nella squadra, è responsabile dell’ufficio diritti, l'area meno conosciuta di una casa editrice e si occupa di contratti, scouting, cessioni e acquisizioni di titoli e diritti secondari, contribuendo a rappresentare la casa editrice in Italia e all’estero. Lucrezia Bivona, al suo primo lavoro full-time a tutti gli effetti, ricopre invece il ruolo di segretaria di redazione nell’ufficio milanese di Neri Pozza solamente da luglio, ma considera questo primo mese e mezzo come una grande palestra di introduzione all’ambiente editoriale. C’è poi Claudia Sartori, la memoria storica della casa editrice: si occupa della segreteria e della parte commerciale di tutti i libri pubblicati e mette a disposizione la sua esperienza, iniziata nel 1981 al cospetto del professor Neri Pozza. Nel prezioso lavoro di coordinatrici ufficio stampa e comunicazione troviamo Benedetta Senin per gli autori italiani e Daniela Pagani per gli stranieri. «Sono arrivata in Neri Pozza all'inizio del 2020, dopo una lunga esperienza per Adelphi, proprio prima dell'inizio della pandemia, e ricorderò sempre quei primi giorni», racconta Benedetta Senin. «Quando quest'anno si è deciso di concorrere al Premio Strega con il libro di Emanuele Trevi non potevo immaginare che la mia prima esperienza si sarebbe conclusa con una vittoria dopo un lavoro di squadra entusiasmante». Un traguardo, il Premio Strega, dell’autore e anche di Neri Pozza, come sottolinea Roberto Cotroneo, editor della narrativa italiana dal 2020, un passato da giornalista culturale, con la direzione delle pagine della cultura de L'Espresso per 15 anni e direttore per un decennio della Scuola Superiore di Giornalismo della Luiss, autore di romanzi, saggi e volumi di poesia. «Abbiamo creduto in un libro fuori dagli schemi, ora dopo questa soddisfazione, la scommessa è ancora più importante: pubblicare ottimi libri e raggiungere sempre più lettori che chiedono letteratura di qualità».

Silvia Allegri

Suggerimenti