<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Parte la macchina dei soccorsi
Polemiche iniziali per i ritardi

Vigili del fuoco e soccorritori al lavoro
Vigili del fuoco e soccorritori al lavoro
Vigili del fuoco e soccorritori al lavoro
Vigili del fuoco e soccorritori al lavoro

ROMA

Le prime ore dopo la prima scossa sono state tra le più difficili. Poi il sistema dei soccorsi si è reso «pienamente operativo» attorno alle 7, ha riferito il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio. Portare uomini e mezzi in un territorio aspro per morfologia e con molte strade non percorribili dopo il sisma, richiede tempo. Ma le polemiche, comprensibili in emergenza, partono subito.

Alle 6 di ieri mattina i sindaci cominciano a farsi sentire. «Il paese è semidistrutto, serve tutto», sbotta Stefano Petrucci, primo cittadino di Accumoli. Anche il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, parla di un «paese che per metà non c’è più», in attesa di soccorsi. Poco dopo mezzogiorno, però, lo stesso Pirozzi sottolinea che «la macchina dei soccorsi è partita e siamo sulla strada giusta, pur con tutte le difficoltà di un territorio come il nostro». Il responsabile della Protezione civile Lazio, Carlo Rosa, si giustifica: «La macchina dei soccorsi si è attivata subito, pur scontando ritardi dovuti al fatto di dover arrivare in una zona di montagna, con viabilità sconvolta».

Il tema dei soccorsi «in ritardo» però resta caldo. «Vogliamo i militari, non si è visto un militare», denuncia con rabbia Alessandra Cappellanti ad Illica, frazione di Accumoli. Da Duma, vicino Amatrice, Claudia Di Giovanni racconta che «fino alle 7.30 non si sono visti neppure gli elicotteri, i primi carabinieri sono arrivati alle 10 e la Protezione civile a mezzogiorno». I dati riferiti al Dipartimento protezione civile dal prefetto Bruno Frattasi parlano di oltre 800 vigili del fuoco nelle aree dell’epicentro, con otto elicotteri. Le forze armate sono presenti con 270 uomini e 52 mezzi, la Protezione civile con volontari, mezzi, unità cinofile. Al lavoro anche Guardia di finanza, Carabinieri, Forestale, Alpini e Polizia,

Suggerimenti