<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
La canzone

Tebo Marzari si aggrappa alla chitarra: ecco «Io resto a casa»

di Stefano Joppi
Roberto Marzari
Roberto Marzari
Marzari: "Io resto a casa"

Le giornate obbligate in famiglia, ai tempi del Coronavirus, sprigionano anche mille idee, voglia di fare e riempire il tempo.

A Bardolino Roberto Marzari, per tutti Tebo, si è “aggrappato” alla sua amata chitarra e condensato in musica e parole l’attuale situazione che sta vivendo l’Italia. Il titolo della canzone? Ovviamente: Io resto a casa. Una canzone incisa che si avvale del contributo alla chitarra elettrica di Ben Peretti, tra l’altro autore del video qui pubblicato.

 

 Testo della canzone

Mi affaccio alla finestra e mi sembra di sognare
la strada è un deserto, l'atmosfera è surreale.
E anche questo sole non mi aiuta a non pensare
al silenzio che mi avvolge, che grida forte più del mare.
Il mondo si è fermato, soffre, sbuffa, è alle corde
ma i santoni alla tivù dicon ch'è tutto sotto controllo
ma invece è una catastrofe che dilaga a macchia d'olio.
Allarme, fermi tutti, non uscite, è il coprifuoco.
Io resto a casa, leggo un libro, prendo un tè
mi siedo sul divano, guardo un film o quel che c'è
Io resto a casa e per non soffrire tanto
dipingo i miei sogni, leggo, scrivo, suono e canto
e faccio finta che va tutto bene ma si sa
che c'è qualcosa che non va.
L'Italia è alla finestra col Tricolore e intona un canto
soffre, stringe i denti, tira fuori il suo talento.
Non resta con le mani in mano e affronta la salita
mentre il mondo sta a guardare con quell'aria un po' stupita.
Sembra un film di fantascienza, non vorrei ma un po' mi inquieta,
qualcuno ha esagerato e ha messo a rischio tutto il pianeta
e adesso che siamo tutti prigionieri chiusi in casa
ci sentiamo più vicini anche se siamo lontani.
Io resto a casa, leggo un libro, prendo un tè
mi siedo sul divano, guardo un film insieme a te
Io resto a casa e per non soffrire tanto
dipingo i miei pensieri, studio, scrivo, suono e canto
e faccio finta che va tutto bene ma si sa
che c'è qualcosa che non va.

 

Io resto a casa, solo con i fatti miei

accendo il vecchio stereo ed ascolto un bel long-plaing

Io resto a casa e alla finestra guardo giù

il mondo che è in ginocchio e sembra non rialzarsi più

le stelle ci han fregato un'altra volta
e la verità di certo mai nessuno la saprà.

Suggerimenti