<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Il concerto dal balcone

La flautista suona «Over the rainbow» per il condominio

di Michela Pezzani
Suona "Over the rainbow" per il condominio

La musicista Eugenia Soregaroli, per oltre trent'anni flauto traverso nell'orchestra dell'Arena di Verona, ha scelto il celebre pezzo "Over the rainbow", composta nel 1939 da Harold Harlen per il film Il mago di Oz", da proporre ai vicini di casa dal balcone del palazzo in cui vive nei pressi del grattacielo.

Il concerto condominiale è stato applaudito e apprezzato quale nota di speranza di uscire presto dalla pandemia in corso da Coronavirus e per creare un effetto orchestrale ancor più efficace la Soregaroli ha utilizzato la base di accompagnamento riprodotta dal suo fido registratore e sulla quale ha eseguito il brano che è uno dei pezzi forti del repertorio, sia classico che jazz, da lei svolto con svariate orchestre tra cui la Big Band Ritmo Sinfonica Città di Verona diretta da Marco Pasetto.

 

La Soregaroli suona inoltre per volontariato negli ospedali, case di cura e hospice in cui si è sempre recata prima del virus e dove conta di tornare al più presto per essere di conforto alle persone. L'intento della Soregaroli è di distogliere la gente dall'ansia e dal dolore attraverso la forza rigeneratrice della musica che intanto offre e proseguirà a offrire dalle finestre di casa. Le parole di Oltre l'arcobaleno scritte da Yip Harburg portate al successo dall'attrice Judy Garland, mamma di Liza Minnelli, recitano "Da qualche parte sopra l'arcobaleno proprio lassù ci sono i sogni che hai fatto una volta durante la ninna nanna, da qualche parte sopra l'arcobaleno volano uccelli blu e i sogni che hai fatto, i sogni diventano davvero realtà...".

Suggerimenti