Quando parlai con il Maestro

Il Maestro è andato a dirigere altrove... Saranno un numero incredibile le persone che hanno avuto modo di avvicinarlo, di parlare con lui, di sentire e seguire i suoi concerti... non si conteranno gli scritti, le partecipazioni al dolore... Merita tanto, merita tutto il Maestro Ennio Morricone. Per anni ho sognato una melodia, ninna-nanna, un suono dolce che cullasse il ricordo dei 20 bambini di Bullenhuser Damm. Sognavo che sulle note del Maestro si appoggiasse come una carezza la lettura dei nomi per il documentario «Rose bianche su sfondo nero. I 20 bambini di Bullenhuser Damm» del regista Gianluca Miligi andato in onda il 27 gennaio 2014 su Rai Storia. In fase di preparazione decisi di scrivere al Maestro Morricone e in accordo con l'editore gli inviammo copia del libro... Un pomeriggio al telefono una voce sicura, senza fronzoli: sono Ennio Morricone... superato il momento in cui pensai ad uno scherzo, considerando che più di una persona sapeva che gli avevo scritto... Il Maestro mi disse che è devastante, è troppo triste, non si può leggere una storia del genere... sto faticando ad andare avanti... poi aggiunse che solo una musica drammatica poteva accompagnarlo... forse quel pezzo che ho iniziato, e mai ho preso dal cassetto... tanto tragico, tanto sangue... Poi passarono i mesi. Seri problemi di salute nella mia famiglia. Sarò io, che tanto lo desideravo, ad essere da freno. Giustamente il Maestro aspettava il dvd con il docu-film completo per poterlo appoggiare ad un sonoro... E il tempo non c'era più. Il Maestro in risposta ad un altro mio scritto, con la copia della nuova edizione del libro e il dvd del docufilm... mi telefonò ancora e mi disse che non poteva scrivere nulla, che non c’era il tempo e comunque non c’era ninna-nanna, melodia, niente che potesse accompagnare un misfatto così grande... Niente, nessuno, non io, né nessun altro compositore potrà scrivere note per un assassinio così tremendo. Solo il Silenzio può fare da sfondo, perché il Silenzio è e rimane la sinfonia più sublime! Alla domanda se potevamo mettere il gam gam... mi disse che la Rai dispone di tutto il suo repertorio... E con il gam gam tutti i bambini della Shoah mettono le ali. Grazie Maestro. VERONA

Maria Pia Bernicchia