Per risolverli io farei così

Mi rivolgo a L’Arena per alcune considerazioni sulla sanità che nel nostro Veneto sarà sicuramente di eccellenza, per quanto riguarda la bravura, ma è anche vero che per ottenere una visita specialistica si va nell’ordine di alcuni mesi, mentre se questa è in libera professione i tempi sono brevi. Mi chiedo: anche questo fa parte dell’eccellenza? O solo per chi se lo può permettere. Altro tema: la droga. Nonostante l’impegno, il diffondersi della droga non riesce a fermarsi, anzi dilaga e preoccupa sempre di più. Temo che non ci sia la volontà di intervenire alla fonte. Le forze dell’ordine sanno dove viene prodotta, lavorata e commercializzata. Si colpiscono spacciatori e consumatori perché sono i più deboli della catena. Sulla prostituzione non scopro certo l’acqua calda, ma è così chiaro che se riaprono le case chiuse e si mettono regole da rispettare, tutto quel casino che si vede sulle strade sparirebbe. In tema di immondizie, temo che manchi il buon senso con l’introduzione di nuovi cassonetti apribili con schede. Prevedo che questo ottenga il risultato di vedere più monnezza sparsa in giro. Sarei del parere, che se avessimo un unico maxi-cassonetto, dove buttare ogni cosa e un solo modello di camion per la raccolta, sarebbe meglio. Perché poi il camion una volta a destinazione verserebbe il tutto su nastri trasportatori, dopodiché impiegherei i carcerati per dividere il tutto, così sarebbero socialmente utili per contribuire al risparmio della tassa Tari. VERONA

Ennio Zanetti