<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Nel video, Anna è come Margò la ballerina

Sono un’insegnante di lettere presso l'IC di Zevio. Scrivo a proposito dell’articolo di Laura Perina su Margò, la ragazza ucraina che frequenta il liceo coreutico Agli Angeli, pubblicato lo scorso 24 giugno. La vicenda della giovane artista si rivela essere una felice (per quanto non possa essere considerata tale la situazione bellica) «coincidenza» che voglio condividere con i lettori. Lo stesso giorno dell’inizio del conflitto ucraino, il 24 febbraio 2022, nella mia scuola è iniziato un laboratorio di Cinema a Scuola, con un gruppo di 25 alunni delle classi seconde della Scuola Secondaria di Primo Grado, tenuto dal prof. Salvatore Aiello che vanta una ventennale esperienza di cortometraggi scolastici. Partendo da un brainstorming, il percorso prevedeva di elaborare una storia, scrivere la sceneggiatura e concludere con le riprese per realizzare un cortometraggio che fosse esclusivo lavoro degli alunni, in tutte le sue fasi. Dal brainstorming sono emerse alcune parole chiave (collana, ballerina, giardiniere, concorso scientifico) che i ragazzi hanno scelto, per costruire la loro storia, tra le tante altre emerse nel corso della discussione iniziale. Ne è scaturita una sceneggiatura piuttosto complessa per la tematica che gli alunni hanno voluto a tutti i costi trattare; la perplessità di noi insegnanti è stata esplicitata al gruppo, poiché non esistevano ancora elementi per poter affrontare e descrivere un fatto di tale portata. Si poteva rischiare di cadere nella retorica o nella banalizzazione. Ma il laboratorio doveva rimanere un luogo di lavoro dei ragazzi, loro ne erano gli unici ed assoluti protagonisti, che, in maniera molto delicata, ma sentita e sofferta, hanno saputo dimostrare la loro vicinanza al popolo ucraino, trattando l'argomento «guerra» senza parlarne. E il caso vuole che la protagonista del loro lavoro sia una ragazza, una studentessa ucraina, che in questo caso però si chiama Anna. E che ama la danza. Non mi dilungo per non rovinare la sorpresa. Il cortometraggio è visionabile al seguente link (sarà pronta a breve anche la versione con i sottotitoli in inglese) https://sites.google.com/icszevio.it/secondariazevio/apprendimento-e-socialita. Buona visione. Lia Valente VERONA

Lia Valente

Suggerimenti