Mutui e debiti, pagamenti prorogati

Per i mutui casa i pagamenti sono rinviati a fine settembre
Per i mutui casa i pagamenti sono rinviati a fine settembre

Due proroghe importanti per chi deve pagare debiti e mutui: la sospensione delle rate del mutuo è stata prorogata al 30 settembre 2020 e i pagamenti dei debiti fino al 31 agosto. MUTUI L’Abi, l’Associazione Bancaria Italiana, ha reso noto che tutte le moratorie attivate per l’emergenza coronavirus sono state prorogate dal 30 giugno al 30 settembre prossimo. In particolare, nell’addendum all’accordo «Moratoria famiglie», siglato lo scorso 23 aprile con le Associazioni Consumatori, tra cui Adiconsum, è stata prorogata al 30 settembre la moratoria per le famiglie riguardante la sospensione del pagamento delle rate dei mutui fino ai 400mila euro. L’addendum prevede una serie di condizioni migliorative rispetto all’Accordo di moratoria originario: • la sospensione dell’intera rata, anziché solo la quota capitale; • l’ampliamento dei requisiti per chiedere la moratoria includendo anche i soci delle società di capitale, chi ha subito una sospensione dell’orario di lavoro per periodi inferiori a 30 giorni lavorativi e chi ha subito qualsiasi danno da Covid-19 dimostrato mediante autocertificazione; • l’ammissione alla sospensione anche dei mutui e finanziamenti ottenuti con agevolazioni pubbliche; • l’accesso alla sospensione anche in caso di rate non pagate prima del 31 gennaio 2020. La domanda va inviata esclusivamente alla banca presso cui è stato acceso il mutuo. Eventuali domande inviate alla Consap spa, la Concessionaria dei servizi assicurativi pubblici, non saranno prese in considerazione. A seguito dell’istanza del cliente, la banca, entro 10 giorni dal ricevimento della documentazione completa, invia telematicamente la domanda di sospensione alla Consap che ha 15 giorni solari per concedere la relativa autorizzazione. La banca quindi ha 5 giorni lavorativi per far conoscere al richiedente l’esito della richiesta. DEBITI Ancora un po’ di tempo per pagare cartelle di pagamento, avvisi di addebito o di accertamento dell’Agenzia delle Entrate Riscossione. Lo prevede l’art. 154 del Decreto Rilancio. Tutti i pagamenti in scadenza dall’8 marzo al 31 agosto sono sospesi. I versamenti potranno essere effettuati entro il 30 settembre 2020. Per i pagamenti di tali somme potrà essere richiesta la rateizzazione. La relativa domanda deve essere presentata entro il 30 settembre 2020. L’art. 154 del Decreto Rilancio prevede che dall’8 marzo al 31 agosto 2020 tutte le azioni di recupero, sia cautelari (fermo amministrativo o ipoteca) che esecutive (pignoramento) siano sospese. Esse riprenderanno dopo il 31 agosto in caso di mancato pagamento del debito e in assenza della richiesta di rateizzazione. Per maggiori informazioni sulla gestione delle risorse e la ristrutturazione dei debiti è possibile contattare Adiconsum Verona che, nell’ambito del progetto «Incubazioni solidali», promosso dalla Caritas diocesana e cofinanziato dalla Fondazione Cariverona, fornisce informazioni sull’uso consapevole del denaro e sul risparmio nell’ambito familiare.