La posta della Olga

Il professor Scalcagnato avrebbe preferito gli Alpini

La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga

El professor Scalcagnato - scrive la Olga - è appena sceso alla fermata dell'autobus. Viene da scuola. Ha le mani affondate nelle tasche del paltò e, sotto il braccio, un scartòsso con una baguette che spunta fuori di una spanna. «Come vàla, professor?». «Ah, èla ela, Olga? La podarìa andàr mèio. La scola de 'sti tempi l'è un casìn. Tra insegnanti e buteléti in quarantena se va avanti a sangiòto». «Ma lu come stàlo?». «Stago come la scóla, son demoralizà e in più gò l'ulcera». Con una repentina torsione del collo, el profe porta la bocca alla baguette e le dà un smorsegón. «Quando l'ulcera la pónze magno un tòco de pan. El me chièta el stómego». Gli chiedo come ha accolto il fatto che laureati appena usciti dall'università vadano a riempire i buchi lasciati dai professori in quarantena o messi in castigo perché restii al vaccino. «Mèio el tacón del buso - mi fa - Ben vègna i sbarbatèi, no i gà esperiènsa ma i gà entusiamo, no so se el basta ma i porta aria nova, fresca, sgarzolìna, quela che ghe vol». Gli dico che non sono solo sbarbatèi perché in maggioranza sono femmine». «Sbarbatèle, alora. No penso che i manda femine co' la barba». Mi guarda, si guarda el scartòsso sotto il braccio: «No la staga a fàrse riguardi, Olga, se la vol dàrghe un smorsegón al pan anca éla...». «No, grassie - gli rispondo - tra poco magno e no vorìa roinàrme l'apetito». Gli chiedo se non pensa che la girandola di insegnanti, specie adesso che arrivano anche le supplenze dei neolaureati, possa disorientare gli alunni influendo sull'attenzione e l'impegno». «Sì che lo penso - mi fa - ma l'alternativa ai sbarbatèi i sarìa sta i Alpini che i va dapartuto quando ghe n'è bisogno, e no so come mai i l'àbia taià fora. I m'à dito che, puntando sui Alpini, se sarìa incassà i bersalieri. Bah! gò risposto. Ò fato ben a rispóndarghe bah? Dai, la ghe dàga un smorsegón al pan». «E 'sa dìselo de la scola che i gà tacà fogo?» gli chiedo. «La galera! Ghe vorìa la galera! Che i vaga in mona tuti quei psicocosi che in qualche maniera i vol scusàr 'sta ghènga de delinquenti. Gh'el dago mi el disagio giovanile! El me disagio de vècio professor l'è pèzo, ma par questo no vago in giro a ciapàr a pugni la gente e a tacàrghe fógo a le scóle».

Silvino Gonzato