Betòneghe e generi Incastro impossibile

Mentre infuria la polemica sulla mancata parità di genere (solo uomini) nel Consiglio di amministrazione di Veronafiere - scrive la Olga - mi chiedo se non sia il caso di infilare maschi anche nella mia compagnia di betòneghe perché, in effetti, non essendovi rappresentanti dell'altro sesso, si rischia un'accusa di segno contrario, sempre che la discriminazione dei maschi abbia lo stesso valore. Ne ho parlato con le ragazze, ragazze si fa per dire, e queste si sono dichiarate d'accordo. Ma ora si tratta di scegliere i ragazzi, ragazzi si rifà per dire, per raggiungere l'equilibrio tra quote rosa e quote azzurre. El ragionier Dolimàn no perché la moglie, la Dolly Delfina, è gelosa. El Tita Frusìn neanche perché, pur concedendosi qualche deroga, è misogeno. Del Birba, presidente del circolo poetico "El Par Naso", non se ne parla perché si porterebbe dietro la badante, compensando di fatto il suo genere con quello dell'accompagnatrice. Ho in mente l'Evaristo che però, oltre a essere orbo come 'na tenca, ha l'idraulica compromessa e, nel caso si associasse a noi al Bar-Pasticceria delle dòne, dovremmo continuamente accompagnarlo al bagno. Vediamo: ci sarebbe el Toni Cóa che però è uno scapolo insidioso e ci proverebbe anche con una betoniera. Ci sarebbe el Giacomo Padelón su Gilera che potrebbe scarrozzarci a turno di qua e di là. Sto pensando anche al Cencio Palpaóvi che è stato buttato fuori dalla sua compagnia di soli uomini per un suo vizietto congenito. Il mio Gino mi suggerisce el Cicio Bisato, el Lele Cavròn e el Particola che è un veciòto pio, tutto césa e ostaria. «E cossa ghe ne diréssito de mi?» mi fa. «Gnente parenti - gli rispondo - parché se tratarìa de nepotismo e no vorìa che vegnésse fora interrogassióni in parlamento e altri bàgoli». Fatte comunque le mie scelte che sottoporrò alle mie betòneghe, mi chiedo però quali competenze possano avere el Cencio Palpaóvi e gli altri di cose da donne. Mi chiedo come possano infilarsi nelle nostre ciàcole, nei nostri petegoléssi, nelle nostre post-menopause. Non si possono tirare dentro i òmeni solo per pareggiare i generi. C'è il rischio che si disfi la compagnia per incompatibilità insanabili. A meno che noi donne non facciamo discorsi da uomini, ma allora el sarìa pèzo el tacón del buso.

Silvino Gonzato