La colazione del campione

Pellissier, l'ultimo gol non è l'ultimo: «Far felice chi ha creduto in me è il regalo più grande»

LCDC Pellissier
500 Internal Server Error

Internal Server Error

The server encountered an internal error or misconfiguration and was unable to complete your request.

Please contact the server administrator at [no address given] to inform them of the time this error occurred, and the actions you performed just before this error.

More information about this error may be available in the server error log.

Il giorno dopo il suo rientro in campo, segnato da una doppietta e dalla promozione della sua Clivense, è stato ospite de La Colazione del Campione l'ex attaccante del Chievo e attuale presidente della Clivense Sergio Pellissier.

 

Leggi anche
In duemila per il ritorno in campo di Pellissier, che regala una doppietta e la promozione

 

«Anche se è "solo" Terza Categoria, vedere tutte quelle persone che tifavano per me è stato piacevole, anche se oggi non riesco a muovermi, è davvero l'ultima!», esclama. Intervistato con il collega Simone Antolini, la leggenda gialloblù (oltre 100 in gol in Serie A) racconta: «Ho sempre giocato e fatto tutto per la passione, per la voglia di dare felicità alle persone che venivano allo Stadio. Ho rispetto delle persone che mi hanno scelto per giocare in stadi importanti, è quello che voglio trasmettere alla Clivense, i valori e gli ideali che mi hanno sempre mosso, l'essere famiglia che ha contraddistinto il Chievo»

Pellissier ripercorre la propria carriera («Il gol in Nazionale il momento più felice») e annuncia la volontà di raccogliere tante persone che credono nel progetto. «Non dirà mai che vincere è facile. Quello che voglio portare avanti con la mia squadra è il rispetto delle persone. E il poter sempre andare avanti a testa alta».

Riccardo Verzè