La colazione del campione

Tacconelli: «Ogni singolo giorno di un paziente è prezioso. Riprendiamoci la vita, ma non scordiamo questi anni»

Evelina Tacconelli
Evelina Tacconelli
La colazione del Campione - Evelina Tacconelli

A La Colazione del Campione, in diretta sulla nostra pagina Instagram, abbiamo intervistato, con Elisa Pasetto, Evelina Tacconelli, direttrice della divisione di Malattie Infettive dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Oms, Ecdc e Aifa, e in prima linea nella cura dei malati covid con le terapie monoclonali.

Non solo serietà e la professionalità, in questi anni di pandemia la dottoressa Tacconelli ha mostrato anche il lato umano del mondo medico e racconta: «La cosa più difficile all'inizio è stato non poter dare risposte ai nostri pazienti, non sapere come reagire a questa malattia. Avere il terrore di non saper rispondere alle loro necessità. Non mi interessa sapere se il covid era la causa principale o secondaria di un decesso: se toglieva anche solo tre mesi di vita a un paziente, era troppo, perché tre mesi o anche un solo giorno sono preziosi».

 

Leggi anche
I consigli degli esperti: «Dobbiamo farci l’abitudine. Comportamenti consapevoli»

 

Racconta di aver dovuto mandare il figlio da alcuni parenti in Abruzzo durante i primi mesi della pandemia, ringrazia più volte il suo sfaff e afferma: «È giusto tornare alle nostre vite, ma non dobbiamo abbassare la guardia e dobbiamo imparare da questi due anni, anche nel come saper reagire in modo immediato a un'emergenza».

Poi ancora i commenti sui colleghi virologi onnipresenti, sul futuro delle cure monoclonali e del progetto Orchestra e ribadisce: «Le monoclonali riducono moltissimo il rischio di ospedalizzazione se il paziente viene trattato per tempo, sono una grande arma contro il covid. Ma lo è anche il vaccino: ora che è stato testato per moltissimo tempo, spero che anche gli scettici si convincano a farlo».

Riccardo Verzè