Il colosso usa in città

Starbucks a Verona: scelta la location, lavori in corso per l'apertura

STARBUCKS A VERONA

Aggiornamento: Starbucks a Verona apre il 29 settembre 2022

-------------------------------------------------------

 

Starbucks Verona non sarà più solo il nome che identifica la particolare miscela del noto caffè americano, dall’aroma intenso e dedicata alla città degli innamorati shakespeariani. Ora è certo: il colosso americano sbarcherà nel cuore della città antica, in galleria Pellicciai, con una nuova e inedita caffetteria. E online è già partita la ricerca di personale. 
Le indiscrezioni secondo cui la catena di caffè statunitense, fondata a Seattle nel 1971 e diffusissima anche nel nord Europa, stesse cercando la location ideale per approdare entro l’ansa dell’Adige giravano già da tempo. E si erano concentrate proprio nei dintorni di piazza Erbe, spaziando da alcuni locali vuoti a lato della Domus Mercatorum a via Pellicciai, data a fine aprile come la favorita. Mancava l’ufficialità, che è arrivata ieri. 

 

Leggi anche
Gigante globale del caffè con 29mila punti vendita in 78 Paesi


Il logo di Starbucks, la sirena a due code stilizzata, bianca su fondo verde, è infatti comparsa sulle vetrofanie affisse su tutte le vetrate del degli spazi commerciali di galleria Pellicciai, all’angolo con via Quattro Spade. Non ci sono ancora notizie sulla data di apertura, che comunque non sembra imminente. All’interno, al momento i lavori si stanno concentrando sulle demolizioni dei vecchi arredi: qui, prima, c’era il bar ristorante L’Aquila Nera, chiuso ormai da anni. Per lo più completamente nere, per non svelare gli arredi interni quando saranno in fase di allestimento, le vetrofanie però contengono già qualche prima informazione. 
Tra queste un qrcode, il codice da inquadrare con il cellulare, che rimanda al sito per la ricerca del personale che sarà chiamato a lavorare nel nuovo spazio caffè. Tra questi, un assistant store manager; il responsabile dello store che si occuperà di gestire la caffetteria e il relativo staff. E ancora, le immagini su fondo nero e ancor più gli slogan – “il mio nuovo ufficio” e “la mia nuova casa” – che si vedono sulle due vetrate maggiori introducono già il mood, la tendenza, che contraddistingue la filosofia dei locali Starbucks il cui obiettivo principale è fornire, oltre al prodotto, “un'esperienza al consumatore” e offrire ai propri clienti un servizio inedito, come rete wifi gratuita e spazi per poter lavorare e trascorrere tempo di qualità.
Una formula, stando ai numeri, che si è rivelata vincente in varie parti del globo. Starbucks è infatti, nel suo genere, la più grande catena al mondo con oltre 28mila punti vendita in 78 paesi, di cui 12 000 negli Stati Uniti. 
Capillarizzata nel Nord Europa già da tempo, è approdata in Italia solo recentemente nel 2018 con le prime aperture di Milano. 
Dopo Hard Rock Cafè, approdato da meno di un anno in piazza Bra, e Kentucky Fried Chicken, che a breve compirà un anno di pollo fritto a un passo da piazza Erbe e che tanto aveva fatto discutere con la sua apertura, nei prossimi mesi l’attenzione sarà dunque focalizzata sull'apertura di questo altro colosso mondiale.
Gli Starbucks vendono esclusivamente la propria marca di caffè (macinato o in grani), tè, bevande, pasticcini, utensili come le classiche tazze e tazzine griffate, macchine da caffè.

Ilaria Noro