I Grandi della Terra brindano con l'Amarone veronese: al G20 l'Aneri di Legnago

Amarone Aneri al G20 di Roma
Amarone Aneri al G20 di Roma
Amarone Aneri al G20 di Roma
Amarone Aneri al G20 di Roma

«I Grandi della Terra torneranno a casa con una testimonianza prelibata del nostro agroalimentare, a dimostrazione che, quando c’è da fare bella figura nel mondo, con in vini e i suoi prodotti tipici, il Veneto non manca mai. Ringrazio il Presidente Draghi per aver scelto una Magnum di Amarone Aneri di Legnago come omaggio agli ospiti della Presidenza Italiana. Ne siamo orgogliosi». Così il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, «saluta» il G20 di Roma che si conclude oggi.

«Il vino veneto trascina l’Italia anche in questo caso - aggiunge - come sempre, visto che raggiunge punte di export superiori a 2,24 miliardi di euro, quarta potenza mondiale, con una produzione pari al 36% del valore dell’intero settore nazionale. E anche con l’ultima vendemmia il Veneto, con i suoi 100 mila ettari di vigneto, di cui quasi l’80% a Docg e Doc, consolida la sua posizione di leader». «Un leader di qualità come l’Amarone è in questo caso l’ambasciatore mondiale di una terra che ha fatto della qualità delle produzioni agricole e vinicole una sua caratteristica storica - aggiunge Zaia - che viene riconosciuta nel più alto consesso mondiale come il G20 di Roma».