Alimentazione

Autorizzato il grillo in polvere come alimento, proteste della Filiera Italia

Il consigliere Scordamaglia: «Diseducativo proporlo come alternativa nostro cibo»
Grilli in polvere: nuovo alimento
Grilli in polvere: nuovo alimento
Grilli in polvere: nuovo alimento
Grilli in polvere: nuovo alimento

L’Unione europea autorizza l’immissione sul mercato di Acheta domesticus, vale a dire il grillo domestico, in polvere parzialmente sgrassata come nuovo alimento. È quanto prevede il Regolamento di esecuzione Ue 2023/5 della Commissione del 3 gennaio 2023 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale comunitaria.

«Mangi pure gli insetti chi ha voglia di esotico, ma è un gioco in malafede promuoverli per una dieta sostenibile in alternativa alla nostra» dice Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia, in merito all’autorizzazione pubblicata in Gazzetta Ue sull’immissione sul mercato dei grilli come nuovo alimento.

 

Leggi anche
Cento grammi di grilli? Il doppio di proteine rispetto al pollo

 

«Nessuna riserva, ci mancherebbe altro, per chi voglia assaggiare «cibi esotici, lontani dalla nostra cultura, sbagliato e diseducativo, però, presentarli come alimenti sostenibili da scegliere in alternativa alla nostra dieta perchè meno impattanti sull’ambiente» precisa il consigliere. «Si tratta di affermazioni false - continua Scordamaglia - perchè la nostra dieta non è solo di qualità, ma a basso impatto ambientale».

L’agroalimentare italiano, infatti, a fronte del più alto valore aggiunto in Europa pari a 65 miliardi di euro, espressione della qualità prodotta, ha una emissione di CO2 ad essa correlata pari ad 1/3 delle emissioni francesi e a metà di quelle tedesche, per non parlare del confronto con altri continenti.

«Inoltre - osserva Scordamaglia - va considerato che molti insetti contengono numerosi elementi antinutritivi che ostacolano il normale assorbimento dei nutrienti, riducendone l’efficienza nutrizionale - dice ancora Scordamaglia - per non parlare delle sostanze chimiche contaminanti e causa di intossicazione, come quella avvenuta nel 2007 in California per consumo di cavallette importate dal Messico, sostanze spesso presenti in questi insetti, dato che molto spesso essi sono importati da Paesi con standard di sicurezza nettamente inferiori ai nostri».

E conclude il consigliere delegato «Basta proporre cibi sintetici o esotici lontani dalla nostra cultura come panacea green per l’alimentazione del futuro, la nostra dieta fatta di qualità, sicurezza, cultura, territori e sostenibilità è il modello ideale da valorizzare e proteggere.
 

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati