INIZIATIVA.

Fra cibo e salute: chef, medici e vignaioli parlano di vita sana

Il ciclo di incontri ideato dal professor Gino Gerosa sul rapporto fra alimentazione e benessere si svolge in diretta Facebook e proseguirà fino al 5 maggio

Un viaggio alla ricerca della vita sana: si chiama «Healthy Living» il progetto del ciclo di dodici «conversazioni» che vedrà protagonisti grandi chef, nomi di spicco del mondo del vino e medici di fama in un confronto interdisciplinare sul tema del benessere alimentare, per il corpo e per la mente. Gli incontri, della durata di un’ora, verranno trasmessi ogni mercoledì, dalle 19 alle 20, a partire dal 17 febbraio e fino al 28 aprile in diretta sulla pagina Youtube dell’Università di Padova. Questa riflessione sulla vita sana sarà presentata domani 10 febbraio al Museo della Città di Rovereto, ospiti il famoso cardiochirurgo trentino Gino Gerosa, laureato e specializzato all’Università di Verona (dove ha lavorato per anni), attualmente direttore della Scuola di specializzazione dell’Azienda ospedaliera Università di Padova; il Magnifico Rettore dell’Università di Padova, Rosario Rizzuto; il direttore generale di Venicepromex – Agenzia per l’internazionalizzazione, Franco Conzato. All’evento, trasmesso in diretta sulla pagina Youtube dell’Università di Padova, interverranno anche il presidente della Fondazione Museo Civico di Rovereto, Giovanni Laezza, e l’ingegner Renato Benintendi che chiuderà l’incontro con la lettura «Dal vino di Iside ai banchetti di Apuleio, tra costume e mito».

IL PROGETTO. «L’alimentazione nell’ultimo ventennio ha assunto un ruolo di primissimo piano nel mantenimento della salute nella popolazione mondiale ed è considerata come strumento essenziale di prevenzione primaria», sottolinea il professor Gerosa, chirurgo di fama internazionale, membro del Comitato Scientifico Health Chef e ideatore di Healthy Living 2021. «Non dimentichiamo che un’alimentazione sana promuove il benessere, migliorando la qualità della vita fino ad allungarla. Obiettivo di questi incontri è di diffondere la cultura di un’alimentazione sana quale miglior prevenzione delle malattie e di un generale benessere psicofisico. Le conversazioni sull’Healthy Living sono la naturale continuazione del progetto Health Chef, in campo dal 2019».

GLI OBIETTIVI. «Health Chef è un marchio registrato di Venicepromex», sottolinea il direttore generale Franco Conzato, «è guidato da un Comitato scientifico di eccellenza, composto da professionisti della scienza e dalla cucina che supportano gli operatori della filiera del settore della ristorazione in questo processo di cambiamento. Con le conversazioni sull’Healthy living vogliamo proseguire e approfondire la nostra esperienza con l’obiettivo di sensibilizzare sui temi di alimentazione e salute e contestualmente promuovere le numerose eccellenze del territorio. Un progetto di ampio respiro, in cui la partnership con l’Università degli Studi di Padova svolge un ruolo fondamentale». «C’è un legame stretto fra nutrizione e salute, due “diritti umani fondamentali” in stretta correlazione, come sottolineato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità», aggiunge il Rettore dell’università patavina Rosario Rizzuto. «Il benessere nutrizionale è quindi un tema globale, di cruciale importanza: uno stile alimentare corretto, ad esempio, può ridurre in maniera significativa l’incidenza di patologie cardiovascolari e tumori. Le scelte alimentari che facciamo impattano fortemente sulla nostra salute: gli incontri di “Healthy Living” mirano a rafforzare questa consapevolezza».

IL PROGRAMMA. Si comincia il 17 febbraio con «(In)formare»: lo chef Alfio Ghezzi, il cardiochirurgo Gino Gerosa e Stefano Marzadro della Casa del Vino della Vallagarina approfondiranno il ruolo del medico e della ristorazione nella promozione del benessere per migliorare la qualità della vita. Il 24 febbraio «Ad ognuno il suo»: lo chef Massimiliano Alajmo si confronterà con il professor Gerosa e con Roberto Anselmi, della Cantina Anselmi di Monteforte, parleranno di come l’alimentazione possa incidere sulla salute di uomini e donne in maniera diversa. «Imparare a star bene, tutti» è il tema della conversazione del 3 marzo con lo chef Alfonso Iaccarino, il presidente di Agenas Enrico Coscioni e Andrea Ferraioli delle Cantine Marisa Cuomo. In primo piano la salute pubblica attraverso l’educazione alimentare dei cittadini. Il 10 marzo il tema sarà «Nutrire il cuore» con lo chef Norbert Niederkofler, il cardiologo Roberto Bonmassari (che si è laureato e specializzato all’Università di Verona) e Karl Gasser (Cantina di Terlano), che parleranno degli alleati alimentari per il benessere cardiovascolare. «Muoviti!» è l’invito che sarà lanciato il 17 marzo da Mauro Buffo, chef del ristorante «12 Apostoli» di Verona, che dialogherà con il cardiochirurgo Augusto D’Onofrio e Veronica Adami, della Cantina Ca’ Pigneto di Negrar, sull’inscindibile binomio fra attività fisica e alimentazione che, insieme, contribuiscono al benessere. Il 24 marzo il famoso chef veronese Giancarlo Perbellini, lo psichiatra Fabrizio Starace e Dante Bonacina, della Cantina Ca’ del Bosco, parleranno degli ingredienti per il benessere psichico, ovvero «La ricetta della felicità». Dopo Pasqua, il 7 aprile, sul tema «Mangia che ti passa» si confronteranno il ristoratore e macellaio Dario Cecchini, il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Santobono-Pausilipon di Napoli, Rodolfo Conenna, e Giovanni Battista D’Orsi, della toscana Cantina Casaloste. Sotto i riflettori l’alimentazione in ospedale come strumento di terapia ma anche di benessere del paziente. Una settimana dopo, il 14 aprile, il tema sarà «Aria nuova in cucina per una tavola tutta da respirare»; lo chef Giuseppe D’Aquino del ristorante «Famiglia Rana» di Vallese, il chirurgo toracico Giuseppe Silvestre, dell’Azienda ospedaliera di Verona, e Sandro Boscaini, presidente di Masi Agricola di Gargagnago, parleranno della correlazione tra alimentazione e respirazione per nutrire corpo e mente. «Forever young» sarà ala centro della discussione il 21 aprile, ospiti lo chef Eligio Paties Montagner, il cardiochirurgo Gerosa e Tanita Danese, della Cantina Fongaro di Roncà, che riveleranno il segreto dell’eterna giovinezza. Il 28 aprile «Il tempo dello “spirito”» sarà il tema affrontato dalla ristoratrice padovana Stefania Martinato, dal professor Gerosa e da padre Stefano Visintin, delle Cantine dell’Abbazia di Praglia, che rifletteranno sul buon cibo e vino per l’equilibrio di mente, corpo e spirito. Le «Conversazioni» si chiuderanno il 5 maggio di nuovo al Museo della Città di Rovereto dove Gino Gerosa, Franco Conzato, Giovanni Laezza e Renato Benintendi commenteranno i risultati e le prospettive di questo «viaggio» fra corpo e mente. •