Consorzio Valpolicella, il format online che promuove i vini del territorio

Il 24 giugno, l'incontro online Valpolicella Superiore
Il 24 giugno, l'incontro online Valpolicella Superiore

Il Consorzio tutela vini Valpolicella mette a punto un nuovo progetto di sviluppo della promozione per i vini della Denominazione. Dall’Amarone, il vino di metodo per antonomasia, al Valpolicella doc Superiore che si identifica simbioticamente con il territorio e sarà dedicato proprio a quest’ultimo, il 24 giugno prossimo, il primo focus on line di questo progetto: dalle 14 alle 16 andrà in onda la prima edizione di “Valpolicella Superiore – A Territory Opportunity”, format che metterà in connessione produttori, operatori e stampa nazionali e internazionali.

 

Sono due le sessioni che saranno trasmesse in diretta streaming su Zoom e sui canali Facebook e Instagram del Consorzio. Verrà presentato il primo Valpolicella Annual Report, il dossier completo dei trend di produzione e clima degli ultimi 50 anni, oltre che di mercato; in programma inoltre uno special tasting di 8 Valpolicella doc Superiore (selezionati alla cieca da una commissione tecnica) guidato da Gabriele Gorelli, primo Master of Wine italiano; Filippo Bartolotta, wine educator conosciuto anche come ‘Il sommelier delle star’ e JC Viens, giornalista e Italian wine expert.

 

“Il progetto si inserisce in un nuovo programma di promozione intrapreso con convinzione dall’attuale governance della compagine rappresentativa che intende potenziare le denominazioni della Doc” spiega il presidente del Consorzio tutela vini Valpolicella, Christian Marchesini. “Tra gli obiettivi di questo inedito percorso c’è quello di riportare all’attenzione del mercato tutta la piramide qualitativa che esprimiamo dai vini di metodo, come Amarone, Valpolicella Ripasso e Recioto, a quelli di territorio rappresentati dal Valpolicella e dal Valpolicella Superiore. Riteniamo che sia arrivato il momento di chiarire ai buyer e ai consumatori l’ampia gamma dei nostri vini” sottolinea Marchesini.

 

“Dopo il successo della Valpolicella annual conference di febbraio, ora proseguiamo il cartellone digitale con il Valpolicella Superiore, un vino fresco e nello stesso tempo complesso anche al netto della tecnica dell’appassimento, che può intercettare nuovi trend di consumo”. 

Camilla Madinelli

Suggerimenti