L'INDAGINE

Coldiretti, volano la spesa nei discount alimentari e il consumo a km 0

Banchi di Campagna Amica
Banchi di Campagna Amica
Banchi di Campagna Amica
Banchi di Campagna Amica

Balzo in avanti degli acquisti di cibo a basso prezzo. I discount alimentari segnano un +7,1 per cento nelle vendite in valore a giugno 2021 rispetto allo stesso mese del 2020. Emerge da una analisi Coldiretti divulgata in occasione della diffusione dei dati Istat sul calo del commercio al dettaglio a giugno 2021 con l’alimentare che cresce su base annua in valore del +2,5 per cento. Il risultato positivo delle vendite alimentari riguarda la grande distribuzione (+3,1 per cento), frenano invece le piccole botteghe (-0,6).

 

La pandemia però, fa sapere Coldiretti, ha accelerato la «deglobalizzazione» in atto da qualche tempo, alimentando interesse e voglia di consumare prodotti a chilometro zero o di mangiare a due passi da casa rifornendosi nel negozio di vicinato, nel mercato rionale o in quello contadino, direttamente in fattoria. «I banchi gialli presenti in ogni angolo della regione sono sinonimo di sicurezza alimentare, impegno sociale, rispetto per il territorio e tutela del paesaggio», commenta Daniele Salvagno presidente di Coldiretti Veneto e Verona.

 

«Si tratta di un modello virtuoso, fonte di educazione alimentare, di guida ai consumi, fautore di una spesa critica a cui il consumatore guarda con attenzione». Sono tutte caratteristiche che alla fine spingono il successo dei mercati di vendita diretta degli agricoltori di Campagna Amica, che hanno incrementato le vendite del 26 per cento secondo l’indagine Coldiretti/Ixè, trainati da una nuova sensibilità degli italiani verso i cibi salutari ma anche dalla volontà di recuperare un contatto diretto con chi coltiva quello che si serve in tavola. L’emergenza Covid, infine, ha determinato un sensibile aumento del numero delle imprese agricole che praticano la vendita diretta.

Camilla Madinelli

Suggerimenti