Il verdetto

Assolto Kevin Spacey, per la giuria non ha mai molestato Anthony Rapp

Kevin Spacey lascia guida Old Vic Londra
Kevin Spacey lascia guida Old Vic Londra
Kevin Spacey lascia guida Old Vic Londra
Kevin Spacey lascia guida Old Vic Londra

Kevin Spacey non ha molestato Anthony Rapp nel 1986, quando erano entrambi due attori poco noti di Broadway. È il verdetto della giuria che mette fine a uno dei processi che più ha animato il movimento del #MeToo.

Spacey accoglie la decisione con sollievo e si lancia in un abbraccio dei suoi legali prima di lasciare l’aula. I giurati hanno impiegato meno di 90 minuti per decidere che Spacey non era responsabile delle molestie nonostante l’appello del legale di Rapp, Richard Steigman, a far pagare l’attore due volte premio Oscar per aver fatto delle avance al suo assistito quando aveva solo 14 anni dopo una festa.

Accuse che Spacey, tramite il suo avvocato Jennifer Keller, ha respinto seccamente bollandole come inventate. Secondo Keller, negli anni successivi all’incidente Rapp si sarebbe ingelosito della carriera di Spacey mentre lui restava relegato a ruoli minori. «Eccoci qui oggi con Rapp che sta ricevendo più attenzione per questo processo che per la sua intera carriera», ha detto Keller gettando un’ombra sul MeToo.

«Questo non è uno sport in cui ci si schiera con il MeToo o contro il MeToo. Il nostro sistema richiede prove a sostegno delle accuse di fronte a una giuria imparziale», ha spiegato. Il legale di Rapp ha cercato di convincere la giuria fino alla fine spiegando che Spacey aveva mentito sul banco degli imputati. «Manca di credibilità», ha detto. I giurati però non lo hanno ascoltato e hanno respinto la causa.

Già prima che iniziassero le deliberazioni il giudice di New York aveva archiviato parzialmente le accuse contro Spacey, chiamando i giurati a decidere solo se era responsabile per aver usato violenza nei confronti di Rapp e dichiarando il non luogo a procedere per l’accusa di avere intenzionalmente inflitto al ragazzo danni emotivi.

«È essenzialmente un duplicato dell’altra accusa», aveva detto il giudice. Rapp e Spacey hanno testimoniato durante il processo e nel corso della sua deposizione l’attore di House of Cards aveva detto di non essersi dichiarato pubblicamente omosessuale per anni perché traumatizzato dal padre Thomas Fowler, che era razzista e omofobo.