Televisione

A «Ballando con le stelle» scintille tra Zanicchi e Lucarelli. Poi le scuse

L’insulto alla giurata, il mea culpa e il confronto su RaiUno
Iva Zanicchi e Manuel Peron
Iva Zanicchi e Manuel Peron
Iva Zanicchi e Manuel Peron
Iva Zanicchi e Manuel Peron

Si chiude in diretta tv su Rai1 il caso dello scontro tra Iva Zanicchi e Selvaggia Lucarelli scoppiato ieri sera a Ballando con le stelle, con tanto di insulto nei confronti della giornalista sussurrato dalla cantante alle orecchie del partner Samuel Peron, ma a microfono inavvertitamente aperto. Un pesante epiteto sessista, sfuggito in studio ma colto immediatamente dai social in un video diventato virale e condiviso dalla stessa Lucarelli che già ieri notte aveva chiesto le scuse di Zanicchi.

Il mea culpa dell'"aquila di Ligonchio" è arrivato prima via Twitter ("purtroppo delle volte dico delle cose senza pensarci, spero si capisca che non c’era cattiveria"), e poi in tv, nello studio di Franca Fialdini, nel programma Da noi a ruota libera su Rai1. "Quello che ho detto è molto pesante, ne sono consapevole, ho chiesto scusa a Selvaggia ieri sera. In teatro non si era sentito, neanche i giudici, Matano, Milly Carlucci, ma sono arrivati subito i video... L’ho detto, non lo nascondo, ma ero rimasta talmente male per lo zero ricevuto che mi sono avvicinata al mio partner e ho sussurrato questa parolaccia, una parola stupida, non ricordando che Samuel aveva l’archetto con il microfono aperto, altrimenti nessuno avrebbe sentito, ma sarebbe stato imperdonabile lo stesso", ha sottolineato Zanicchi.

Al telefono è intervenuta Lucarelli: "È vero che ieri Iva dopo la trasmissione mi ha chiesto scusa, era un pò frastornata, sto sentendo adesso quello che dice, ma non ha detto una parola stupida, ha usato un epiteto sessista e piuttosto grave. Le scuse le accetto, non chiedo che vada lavata l’offesa con sangue, ma la cosa va definita con molta chiarezza. Il fatto che lei dica che non c’era cattiveria mi fa pensare che usi quella parola in automatico nella vita, e sarebbe ancora più grave. Sono anche una sua fan, mi diverte molto quando è di buonumore, con le sue esternazioni irriverenti, ma c’è una grossa differenza tra essere una caciarona e essere una donna che usa un epiteto sessista per mortificare e delegittimare un’altra donna".

"È una parolaccia, un intercalare che si usa al mio paese e che non vuole essere offensivo ma lo è, mi sono resa conto di aver sbagliato, non ho giustificazioni", ha ribadito la cantante. "La prossima volta che mi darai zero ti sorriderò e ti abbraccerò e ti farò una spaccata sul bancone", ha assicurato. Lucarelli ha chiuso la telefonata criticando però anche Samuel Peron: "Lo ritengo colpevole quanto Iva Zanicchi: chi aderisce e fa risatina complice è colpevole quanto l’altro, mi aspetto da lui le scuse magari non pubbliche, ma anche private".

Ballando intanto ha debuttato con la media più alta di share degli ultimi dieci anni: 24.31%, pari a 3 milioni 476 mila telespettatori. "Sono felice perchè il pubblico ha abbracciato i concorrenti, i ballerini, ne ha seguito le storie. Si sono spesi tutti tantissimo, è stata dura per tutti", ha commentato Milly Carlucci al telefono con Mara Venier a Domenica in. E ha annunciato che in pista sabato prossimo come ballerino per una notte ci sarà Massimiliano Gallo, promettendo anche una sorpresa.

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati