Meme del senatore Usa

«Zio Bernie», con le sue muffole, arriva anche a Verona

Bernie Senders a Verona

Una Kamala Harris in sfolgorante viola, una Michelle Obama da "urlo", la sempre super sexy JLo o la strepitosa Lady Gaga, con una colomba dorata gigante sul petto, devono rassegnarsi: nella corsa alla celebrità - durante l'Inauguration Day americano - a rubare la scena a tutte, persino al neo eletto presidente Biden, è stato il senatore del Vermont, ex candidato presidenziale Bernie Sanders. Con le sue muffole.

 

#BerniesMittens è l'hashtag che ha rimbalzato di più sui social nel giorno in cui si insediava il 46° presidente degli Stati Uniti d'America e a ruba sono andate tutte le manopole disponibili online come quelle indossate da Sanders e regalategli da una ex insegnante qualche anno fa.

 

Meme Bernie Sanders: parla Jen Ellis, la donna dietro i guanti del senatore

 

Non solo l'hashtag è diventato virale: l'immagine di lui, seduto con le mani guantate e incrociate, è diventata un meme e ora troneggia sulle foto delle città di mezzo mondo, oltre che nei fermo immagine di film culto, di eventi artistici e opere d'arte: seduto su una panchina di Central Park accanto a Marilyn Monroe (nel celebre scatto di Sam Show) oppure immortalato vicino a Tom Hanks nella scena della scatola di cioccolatini in "Forrest Gump", fino al celebre incontro con Marina Abramovic e alle spalle di Paul Simonon che spacca il basso nella copertina del disco "London Calling" dei Clash. Figuriamoci se poteva mancare a Verona.

 

I primi a volerlo omaggiare  in terra scaligera sono stati i ragazzi di SalmonMagazine che su Instagram lo hanno piazzato sotto alla torre di San Michele, poi sono arrivati quelli di Verona Deep Pearà, gruppo Facebook, che lo hanno ospitato a Fiamene, alla biblioteca "Frinzi" e persino alla Festa della Renga. Ma anche altre realtà meno note hanno deciso di cavalcare l'onda social per fare pubblicità alla propria azienda. Ed è solo l'inizio...

Giorgia Cozzolino