Vandalismo

Imbrattate le panchine della Giarina, appena ridipinte dagli Angeli del bello

.
La panchina imbrattata alla Giarina (Pezzani)
La panchina imbrattata alla Giarina (Pezzani)

Poco prima del lockdown di un anno fa a causa della pandemia da Covid 19 i volontari dell'associazione Angeli del bello, i quali si occupano di fare il lifting a Verona, avevano passato con la carta vetrata e ridipinto in modo certosino tutte le panchine dei giardini della Giarina. Durante la chiusura di questi mesi, però, sono riapparsi i graffiti a imbrattare i sedili pubblici del parchetto intitolato al concittadino uomo di cultura Renzo Chiarelli e in particolare nella zona dell'area verde prospiciente villa Walner dove la sera si aggregano molte persone senza mascherina e precauzioni anti virus.

Le rimostranze di alcuni abitanti nei confronti di chi non dimostra rispetto per le regole non sono servite, anzi hanno sortito male parole verso chi ha fatto notare ai "capannelli" lo scempio: le scritte oltretutto sono state fatte anche sul bidone delle immondizie adiacente la panchina più coinvolta e su altre sedute.

La manutenzione congiunta con l'Amministrazione comunale scaligera attuata dagli Angeli del bello alla Giarina aveva praticamente cambiato faccia al luogo molto amato dai residenti che lo frequentano per il relax e il passeggio dei cani, ma i recenti segnali di spregio del bene e di mancanza di senso di responsabilità dei "soliti ignoti" fa pensare e preoccupa.

«Occorre educazione civica e rispetto per la comunità e per chi come gli Angeli del bello lavoro per tutti oltretutto gratuitamente», è il messaggio che gli anziani habitué della Giardina si sentono di lanciare sebbene, parole loro, «il proverbio della speranza che è l'ultima a morire lasci al giorno d'oggi a desiderare».

Michela Pezzani

Suggerimenti