Rotary Club di Peschiera e del Garda Veronese

Uomini narcisisti patologici, pericolo fatale per le donne: come riconoscere i tratti del disturbo

Gessica Notaro e Livia Vivoli durante un incontro nel Veronese
Gessica Notaro e Livia Vivoli durante un incontro nel Veronese
Gessica Notaro e Livia Vivoli durante un incontro nel Veronese
Gessica Notaro e Livia Vivoli durante un incontro nel Veronese

Riconoscere i tratti del disturbo narcisistico patologico per contrastarli fin da subito e permettere alle potenziali vittime di sfuggire ai loro persecutori. È stato il tema al centro della serata sul Dnp organizzata dal neopresidente del Rotary Club di Peschiera e del Garda Veronese, Giovanni Finetto, al ristorante Alla borsa di Valeggio.

A parlarne Gianni Spoletti, criminologo investigativo forense - noto come consulente di Gessica Notaro, sfregiata con l’acido dal fidanzato e terza a Ballando con le stelle nel 2018 - e il penalista del foro di Trani, Michele Cocchiarole. Ha soprattutto toccato le corde del cuore dei presenti, la storia raccontata da una delle tante vittime del compagno, affetto dal disturbo di narcisismo patologico: l’ex assistente di volo palermitana Lidia Vivoli, che non ha dato un quadro confortante. «A distanza di dieci anni dalla feroce aggressione», ha raccontato Vivoli, collegata online e che è attiva anche nelle scuole per educare al contrasto di ogni violenza, «se dovessi fare un bilancio non è certo positivo. Non solo mi sono resa conto che le tante segnalazioni ai carabinieri poco hanno sortito perché dovevano fin da subito essere accompagnate da una querela, ma anche che il supporto da parte dello Stato latita. Ora, oltre ad avere problemi fisici per i postumi dell’aggressione, sono rimasta anche senza lavoro».

Mentre raccontava la sua vicenda scorrevano le crude immagini delle ferite riportate la sera del 24 giugno 2012 quando l’ex, tornato a casa sua con una scusa, la colpì con una ferocia inaudita, utilizzando prima una padella di ghisa, poi delle forbici e poi con dei calci, prima che lei riuscisse a divincolarsi. Ora l’ex compagno è tornato in carcere perché ha picchiato un’altra donna. Riferendosi alla sua storia Cocchiarole, che s’è trovato spesso davanti a casi come il suo, ha rimarcato che «manca un adeguamento legislativo che porti alla tipizzazione del reato, in modo da evitare che un processo duri un decennio».

Qualcosa è cambiato dopo l’approvazione del Codice rosso, la legge 69 del 2019, che prevede un’accelerazione nella gestione di alcuni reati, dai maltrattamenti in famiglia allo stalking e alla violenza sessuale. Impressionanti i dati forniti da Spoletti su persone con narcisismo patologico che esercitano violenza: il 67 per cento tra i mariti; il 43 tra i conviventi; il 37 i partner occasionali. «Quando si avvertono alcuni sintomi», ha spiegato Spoletti, «dalla mancanza di empatia nelle relazioni a un malinteso senso di superiorità che porta a svalutare gli altri di cui non si considerano i bisogni, occorre drizzare le antenne. Questo soprattutto per evitare che ci siano nuove vittime».

Spoletti, residente nel Veronese ma di origine bolzanina, conosceva anche i coniugi Laura Perselli e Peter Neumair, il cui omicidio è stato confessato dal figlio Benno. «Lui ha tutti i tratti del narcisista patologico e che qualcosa non andava in lui lo si doveva capire fin da quando, a soli otto anni, martirizzò una carpa, dicendo che per lui era qualcosa di divertente», afferma. «Purtroppo la sua patologia psichiatrica non è stata affrontata ma coperta dalla famiglia, nella speranza che venisse superata. Un errore che ha prodotto infine un duplice delitto, particolarmente efferato». •.

Alessandro Foroni