La nota del Ministero

Pernigotti richiama per contaminazioni alcuni lotti di gianduiotti e cremini

A scopo precauzionale per «possibile presenza di larve di insetti». L’invito ai clienti è di non consumare il prodotto e di riportare le confezioni al punto vendita d’acquisto.

Il ministero della Salute ha reso noto che a scopo precauzionale, la Pernigotti di Novi Ligure (Alessandria) ha disposto il ritiro dal commercio di alcuni lotti di gianduiotti e di cremini, per possibile presenza di corpi estranei, ovvero per una contaminazione da plodia allo stadio larvale, note come "farfalline della farina", minuscoli insetti innocui per l’uomo.

Il ritiro ha interessato due prodotti. Le confezioni da 150 grammi dei "Gianduiotto - Praline di cioccolato alle nocciole gianduia" per i seguenti lotti (con scadenze): L4D 10 aprile 2024, L4D 13 aprile 2024, L4D 19 aprile 2024. Il secondo è "Cremino - Praline al cioccolato al latte e alla nocciole gianduia con farcitura alla nocciola", per i lotti (e scadenze) L4D 13 aprile 2024, L4D 14 aprile 2024 e L4D 17 aprile 2024.

L’invito ai clienti è di non consumare il prodotto e di riportare le confezioni al punto vendita d’acquisto.

 

Leggi anche
Mortadella supergigante a rischio Listeria: ecco i lotti ritirati dal commercio