Galli: «Ora test degli anticorpi per evitare i richiami non necessari»

500 Internal Server Error

Internal Server Error

The server encountered an internal error or misconfiguration and was unable to complete your request.

Please contact the server administrator at [no address given] to inform them of the time this error occurred, and the actions you performed just before this error.

More information about this error may be available in the server error log.

500 Internal Server Error

Internal Server Error

The server encountered an internal error or misconfiguration and was unable to complete your request.

Please contact the server administrator at [no address given] to inform them of the time this error occurred, and the actions you performed just before this error.

More information about this error may be available in the server error log.

«Visto che Astrazeneca è stato progettato per una sola dose e visto anche che una percentuale molto elevata di persone risponde già con una sola dose, credo che sia arrivata l’occasione per il Governo e le Regioni, di sdoganare l’utilizzo e la prescrivibilità dei test per la misurazione degli anticorpi: questo potrebbe permettere di risparmiare le seconde dosi che non sono necessarie e permettere a tanti cittadini di fare un’altra dose direttamente in inverno, quando magari verrà cambiato anche il vaccino». È la proposta di Massimo Galli, direttore della clinica malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, intervenuto ai microfoni di iNews24.it Rispetto agli Open day vaccinali, Galli rileva come «ogni Regione è una specie di repubblica indipendente che fa quello che le pare. C’è un rapporto dell’Ema del 24 aprile 2021 sul vaccino AstraZeneca - afferma - che mette in relazione il rapporto tra morti pervenute e casi di trombosi con piastrine basse, nella fascia 20 - 29 anni. Dice che il rapporto rischio-beneficio è sfavorevole». Inoltre, conclude, «già sulle seconde dosi i rischi sono inferiori e pare che non ci siano eventi gravi».