L'annuncio

Covid, Speranza: «Via alla quarta dose per tutti gli over 60 in Italia»

Foto Ansa
Foto Ansa
Foto Ansa
Foto Ansa

In Italia «si comincia da subito» con la quarta dose del vaccino anti Covid per tutti coloro che hanno più di 60 anni. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Seranza al Tg1, precisando che dopo la raccomandazione di estendere la quarta dose a chi ha più di 60 anni da parte di Ema e Ecdc, nel pomeriggio è arrivato in Italia il via libera dall’Aifa ed è stata inviata alle Regioni la relativa circolare del ministero della Salute.

Leggi anche
Covid, le regioni pronte a riaprire gli hub per la quarta dose allargata

«Non c’è tempo da perdere», dice la commissaria Ue alla Salute Stella Kyriakides. E in vista dell’autunno, le autorità sanitarie europee stanno esaminando due vaccini aggiornati contro la variante Omicron per un possibile via libera a settembre. 

Intanto in Italia resta alto il numero dei decessi per il Covid-19: sono 127, 44 più di ieri. La raccomandazione del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e dell’Agenzia europea dei medicinali (Ema) arriva in considerazione della «nuova ondata attualmente in corso in Europa, con tassi crescenti di ricoveri in ospedale e in terapia intensiva». «E fondamentale - spiegano - che le autorità sanitarie pubbliche considerino le persone tra i 60 ei 79 anni, nonché le persone vulnerabili di qualsiasi età, per un secondo richiamo». La dose booster potrebbe essere somministrata almeno quattro mesi dopo la precedente, con particolare attenzione alle persone che hanno ricevuto un richiamo più di sei mesi fa. Nelle loro raccomandazioni, Ecdc ed Ema non danno però indicazioni per le persone di età inferiore ai 60 anni perché «al momento non ci sono prove chiare a sostegno della somministrazione di una seconda dose». E in considerazione di una ipotetica nuova ondata autunnale, potrebbero arrivare due vaccini adattati alla nuova variante Omicron.