La ricerca

Come nasce la nuova cura made in Vicenza

«La ricerca – spiega il primario di ematologia del San Bortolo Marco Ruggeri – deve passare per forza dalle provette che si usano nelle fasi accademiche a una cell factory se si vuole che il prodotto di una indagine scientifica diventi un farmaco iniettabile. Questo passaggio è strategico e qui interviene il laboratorio di terapie cellulari avanzate della nostra Ulss. Ora ci sarà bisogno dell’autorizzazione dell’Aifa. Quando l’avremo potremo sperimentarlo su questi pazienti che non hanno alternative». Il processo è stato sviluppato in simbiosi, con un lavoro di osmosi partito 3 anni e mezzo fa, fra il gruppo di Antonio Rosato dell’università di Padova e il lab di Giuseppe Astori. «L’idea di Rosato è stata di indirizzare queste cellule-killer verso il tumore usando un anticorpo particolare. Poi, c’è stato il ruolo fondamentale di Ruggeri e dell’ematologia del San Bortolo. L’intuizione vincente è stata di partire dal sangue del paziente». Con un semplice prelievo, 20 millilitri, una siringa di sangue, si ricavano miliardi di cellule. Il farmaco è quasi pronto. 

Franco Pepe

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati