La scienziata

Antonella Viola: «L'alcol fa male, anche un bicchiere di vino al giorno aumenta il rischio di tumori»

Sul suo profilo Facebook: "L’alcol è un cancerogeno, direttamente collegato al cancro del seno, colon-retto, fegato, esofago, bocca e gola. Non c’è una dose sicura: la dose sicura è zero"
Stanno facendo discutere le affermazioni della ricercatrice Viola sui rischi legati al vino
Stanno facendo discutere le affermazioni della ricercatrice Viola sui rischi legati al vino
Stanno facendo discutere le affermazioni della ricercatrice Viola sui rischi legati al vino
Stanno facendo discutere le affermazioni della ricercatrice Viola sui rischi legati al vino

Lo aveva scritto sulla sua pagina Facebook alcuni giorni fa, lo ha ribadito ai microfoni della trasmissione 'Il mondo nuovo', su RaiRadio1: "Basta con le bugie", afferma Antonella Viola, ricercatrice e docente all'Università di Padova, "non è vero che un bicchiere di vino al giorno fa bene o che il consumo moderato di alcol non è un problema per la salute pubblica. Lasciamo libere le persone di vivere come vogliono, ma diciamo loro la verità! L'alcol fa male e anche un consumo moderato danneggia il cervello e aumenta il rischio di tumori".

 

La dose sicura? E' zero

E poi argomenta: "La scelta dell’Irlanda, approvata dalla Commissione europea, di equiparare alcol e sigarette e di inserire nell’etichetta delle bevande alcoliche gli avvertimenti sui danni per la salute non è giusta: è giustissima! L’alcol è un cancerogeno, direttamente collegato al cancro del seno, colon-retto, fegato, esofago, bocca e gola. Non c’è una dose sicura: come per le sigarette, la dose sicura è zero! Capisco che sentire queste cose sia spiacevole, ma non è nascondendole che affronteremo il problema degli effetti del consumo di alcol sulla salute. I cittadini devono sapere e poi scegliere responsabilmente".  

 

"Chi beve ha un cervello più piccolo"

Su RaiRadio1 ha poi aggiunto: "L'alcol, qualunque tipo di alcol, anche quello contenuto nella birra, nel vino, nell'aperitivo, è un cancerogeno" ha ammonito la ricercatrice. E gli studi scientifici hanno confermato che anche un drink al giorno "aumenta del 6% nella donna il rischio di cancro alla mammella e già col secondo bicchiere questo rischio aumenta del 27%". I tumori direttamente associati anche al consumo moderato di alcol - ha detto ancora Viola - sono quelli che appunto colpiscono la mammella e il colon retto, ma non solo, anche la bocca, l'esofago, la laringe e il fegato. A questo devo aggiungere anche che un recente lavoro pubblicato sulla rivista 'Nature communications', che è una buona rivista, ha dimostrato in maniera molta solida che le persone che bevono uno o due bicchieri di bevande alcoliche al giorno, quei famosi due bicchieri di vino a pasto o l'aperitivo dopo il lavoro, ebbene queste persone hanno un volume del cervello inferiore rispetto a chi non beve e presentano delle alterazioni strutturali proprio visibili. Quindi anche un consumo moderato danneggia il cervello, non solo l'abuso".

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati