Un pochetìn de sarvèl par no tornàr come prima

La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga

La Tullia - scrive la Olga - l'è piena de ansie, ghe trema la sbèssola, la gà i òci lagrimosi. «Cosa gh'èto, Tullia?» le domando. «El Thomas, me neódo - quel risso, ghe l'èto presente? - el s'à impestà a Ibiza. I gh'è andà in dódese tra butèi e butèle, tuti e dódese impestà, ià ciapà la variante Delta e adesso iè in quarantena». Le dico, per rincuorarla, che per giovani il virus è meno pericoloso che par i vèci, i se dà 'na scurlàda come i cani quando i vien fora da un fosso e i se ne libera». La Tullia mi dice che el gà la féara a quarantadù e ch'el sbate i denti. Le chiedo se lo ha sentito per telefono. «Mi no, l'è sta lu a ciamàr so mare e el se n'à sentìo par i porchi». «Cosa vuto mai, Tullia, i giovani, dopo tanti mesi de gatabùia, i gà bisogno de scadenàrse, no i g'à prudènsa, i fa camarón, i se sbràssola, i se sléngua, i se spuàcia, i va ai concerti, i fa bàito con altri de la so età che i cata sul posto, i bala, i fa i giovani, insoma. Guarda cosa è sucesso a Maiorca, quasi mile contagià». «Anca mi...» mi fa la Tullia. «Anca ti fèto 'ste robe?». «Te par che fassa 'ste robe a setant'ani? Voléa dir che anca mi, oltre che so mare e so pare, prima che el Thomas el partisse, gò fato tante racomandassióni: mantién le distanse, métete la mascherina, làvete le mane, no basàrte né co' le dòne né coi òmeni (ancó la va così), sta su co’ le réce. "Nona - el m'à dito - pensa par ti". Ghe son restà tanto mal, l'è sta come el m'avesse infilà un cortèl nel stómego». Le dico che la capisco ma che i fiói crescono e non si può continuare a vederli come quando erano butìni tacà a le còtole de la mama e de la nona. Fatto sta che i giovani, dopo le libertà concesse dai governi, se no i gà un pochetìn de sarvèl, attaccheranno il virus ai vèci e non sarà più finita. I virologi più catastrofisti lo stanno predicando dai pulpiti televisivi. L'unica salvezza sarà il vaccino, ma non bisogna aspettare la fine delle vacanze per farlo, sennò avremo un autunno tragico come quello scorso. Adesso tutti gaudenti, euforici e abbronzati ma, se non si ha giudizio (e me par che ghe ne sia poco in giro), torneremo a piangere. E, insieme ai pianti, tornerà la solfa delle restrizioni, del coprifuoco, delle pirlate viste e riviste, magari del tenebroso lockdàun.

Silvino Gonzato

Suggerimenti