La posta della Olga

Salvini si vede con Tosi dalla Miranda alla Bovisa?

La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga

Quando, a proposito di un eventuale ritorno di Tosi - scrive la Olga - Salvini (a Bovolone per magnificare la sua candidata a sindaco del paese) ha detto “Mai dire mai“, non è chiaro se intendesse citare il rapper Willie Peyote, James Bond o né l'uno né l'altro. Comunque l'ha detto. E ora gli avventori del bareto si fanno delle domande e si danno delle risposte col punto interrogativo, segno di interpunzione che normalmente dovrebbe contraddistinguere solo le domande. Nel mentre riapriva la porta, solo l'antiporta per ora, a Tosi che aveva burrascosamente silurato, Salvini non si è dimostrato del tutto entusiasta di Sboarina. Il politologo Scoatìn dell'università di Cavaión, sostiene che se l'attuale sindaco, dopo essere stato candidato dalla Lega, non fosse poi passato ai rivali di Fratelli d'Italia, Salvini avrebbe usato ben altro registro. E invece gli ha affibbiato un sei meno meno, quasi cinque: «Ci sono alcune cose fatte in maniera positiva, altre che invece non sono state fatte e saranno i veronesi a decidere come andare avanti». Non è una bocciatura ma siamo lì. A proposito delle cose fatte e non fatte, gli avventori del bareto non sanno distinguere le une dalle altre. E non è bastato un discorso filosofico del professor Strusa per fare un po' di chiarezza ed evitare che le risposte avessero il punto di domanda. Ma è vero che Salvini e Tosi si sono visti in gran segreto a Milano? È la domanda che taglierebbe la testa al toro. Salvini ha assicurato che non lo vede da qualche anno ma el ragionier Dolimàn, di solito bene informato, sostiene che i due si sono visti più volte alla trattoria della Miranda, alla Bovisa, vicino ai binari della gronda nord, un posto dove non va nessuno perché quando passano i treni «te scórla i denti in bóca e te sbate le réce». È evidente che, dai particolari forniti, el ragionier è stato dalla Miranda. Salvini ha comunque detto che il suo cellulare è sempre acceso facendo intendere che Tosi lo può chiamare quando vuole. Se non si sono visti, è in ogni caso un segnale che forse si vedranno. Il politologo Scoatìn, portando degli esempi, dice che in politica non ci sono amici e nemici ma solo opportunisti e che gli avversari di ieri possono diventare i sodali di oggi. Mai dire mai.

Silvino Gonzato

Suggerimenti