La posta della Olga

Norimberga lascia, Verona raddoppia

La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga

El vècio giornalista Gasparìn e la moglie Gasparina - scrive la Olga - si sono detti: «Finora abbiamo visto i banchéti di Norimberga solo a Verona. E allora perché quest'anno, sotto Nadàl, non andiamo a Norimberga a vedere quelli originali nella città da cui li abbiamo copiati? Co' i du franchi che ghémo da parte podémo permétarselo. Ti te te infili la pelicéta de cunèl e mi me fraco in testa el capèl tirolese, quel che me méto quando vago a fìnferli». Sennonché el Gasparìn e la Gasparina sono rimasti delusi quando hanno scoperto che, per via del Covid, quest'anno, per il secondo anno consecutivo, i banchéti di Norimberga sono andati a remengo. Insomma ai tedeschi di quelle parti che avessero nostalgia dei loro banchéti e casotìni non resterebbe che venire a Verona dove, Covid o non Covid, si fa tutto, dal carnevale posticipato, e protratto per oltre due settimane, ai mercatini di Natale, in corso dal 12 novembre. El Gasparìn e la Gasparìna allora si sono detti: «Perché non andiamo a Monaco di Baviera? Anche là i banchéti sono una tradizione e vi si vendono certi wurstel longhi come brassi». Sennonché anche Monaco ha rinunciato, sempre per via del Covid, ai mercatini di Natale. In tutta la Germania non ce n'è uno, così come in Austria e in Svizzera. Prevedo quindi calate di nordici sulla nostra città e, di conseguenza, un fruttuoso turismo natalizio, merito, e questo va riconosciuto, di chi ha avuto il coraggio di non permettere al virus di stravolgere la nostra propensione festaiola e godereccia. Al Covid noi gli facciamo il gesto dell'ombrello. Tiè! È un modo per demoralizzarlo e quindi combatterlo. L'Oms prenda nota. A Ivrea, a differenza di noi, sono invece dei cacasotto. Hanno cancellato perfino il carnevale del prossimo anno, quello storico carnevale in cui si tirano le narànse a vicenda. Ve ricordèo? Jesolo ha rinunciato a ospitare le finali di Miss Italia: troppi contagi, meglio non importarne altri. Le chiappe al vento stuzzicano il virus il quale sembra intimorire tutti, tranne noi e i meranesi, ah, dimenticavo Merano. Anche là i mercatini di Natale spopolano. Ma vuoi mettere i nostri? Non c'è confronto. Norimberga è qui, solo qui.

Silvino Gonzato