Ma senza più mascherina riconoscersi è un problema

La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga

Dopo un anno e mezzo di mascherina - scrive la Olga - si stenta, a viso nudo, a riconoscersi tra amici, conoscenti e perfino tra parenti. «Son la Ada» mi fa la Ada. «La Ada, quela...?» cerco di prendere tempo. «Sì, proprio quela» mi risponde. «Fàme un piasér, métete la mascarina parché a fàcia intiera no te riconosso» sono costretta a dirle. Anche per questo bisogna sempre portare con sé la mascherina: capita di doverla indossare per una questione di identità. Così come non ho riconosciuto la Ada, la mia amica Ernesta, o quella che mi pareva esserlo, non ha riconosciuto me. «Ma come! Son la Olga, la moiér del Gino, quela...». «Scusa, ma sensa la strasséta fago fadìga». Se la strasséta la si dimentica a casa, si può essere comunque riconosciuti coprendosi bocca e naso con una mano e co' 'na ventàla o con un scartòsso de pan. Dirò che questo gioco dello svelamento è anche divertente oltre che essere un modo per impiegare il tempo, par passàrse via, insoma. Prima di riconoscerci tutti passeranno mesi, forse anni. Paradossalmente ci eravamo abituati a riconoscerci dagli occhi ma, aggiungendo ora, in virtù dello smascheramento decretato dal governo, bocca, naso, ganàsse e sbèssola, bisogna ricomporre pazientemente il puzzle. Alla Teresina nel frattempo sono cresciuti i baffi. Non si curava di raderseli fin che portava la mascherina tombale. Sia per negligenza sia per dimenticanza o perché ha scoperto di piacersi così, una volta smascherata li ha mantenuti e sinceramente se non si fosse coperta con due dita la folta peluria sotto il naso non l'avrei mai riconosciuta. Noto però che molta gente porta ancora la mascherina e questo vuol dire che in giro c'è ancora un certo scagasso. C'è chi la porta per prudenza e non si fida del «quasi liberi tutti politico», per abitudine ma anche come amuleto per allontanare influssi nefasti. La Elide la porta a mo' di bandana, la Evelina ha cucito insieme due mascherine per farsi un reggipetto. Io la porto a mo' di gorgiera come Maria de' Medici ma pronta a farla scattare su bocca e naso se incrocio le facce da Covid.

Silvino Gonzato

Suggerimenti