La trattoria dai Onti riaprirà in sicurezza

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Maggio si avvicina - scrive la Olga - e, nella prospettiva della riapertura di bar e ristoranti, anche la Trattoria dai Onti si sta preparando. «Émo sbianchezà - mi fa la Onta che vedo davanti al locale mentre lavora de scóa - e cambià un par de tòle che le gavéa le gambe rosegà dai rati». Le chiedo se anche lei, come previsto, integrerà le misure già in vigore per i locali pubblici con "strategie di screening/testing". «L'ò léto sul giornàl» preciso. La Onta smette de scoàr, mi guarda di traverso e mi chiede: «Cossa saréssela 'sta roba, devo prelevàrghe el sangue ai clienti?». Le rispondo che non lo so perché non conosco l'inglese. «Più quei che ne comanda iè àseni e più i parla in americàn» mi fa. Poi si gira verso la porta aperta e chiama a gran voce l'Onto, suo marito. «Sa gh'è da sigàr?». È la voce dell'Onto che rimbomba nella cantina. «Vièn su che devo domandàrte 'na roba» gli urla la Onta. Poi, rivolta a me: «L'è drìo tiràrghe via le ragnatele a le damigiane». L'Onto appare nel vano della porta: «Sa vuto?». «La Olga la dise che co' le nove regole dovémo fàrghe i prelievi del sangue ai clienti». Nego di aver detto una cosa del genere ma di essermi limitata a riportare una parola in inglese di cui non conosco il significato. «Ghe vorìa anca quela - dice l'Onto - Zà ghe misurèmo la féara, no vorìa che ne tocasse fàrghe anca el clistèr». La Onta mi racconta che hanno fatto tutto quello che bisognava fare per il distanziamento («Èmo messo fora el cartèl: "Non più di una persona per caréga") e per l'aerazione («Èmo cavà le finestre»), e mi dice anche che hanno il menù digitale. «In più - aggiunge - par evitàr che i clienti i pàrla mentre i magna, émo pensà de imbocàrli». «Alora si a posto» dico. «A posto? - mi fa l'Onto - Più che a posto. Domàn méto zó el reticolato parché no se forma assembramenti fora del locàl. Forse l'è quel che i se intende quei che ne governa parlando in americàn». Mi scappa l'occhio sul cartello appeso al tronco del figàr: non c'è più scritto "Trippe pronte" ma "Trippe in sicurezza". Prenoto me e il mio Gino per la cena del giorno di apertura. «Ve dago el tàolo più distante - mi dice la Onta - quel soto la finestra, se dovesse pióar rento ve démo l'ombrèla». •

Silvino Gonzato

Suggerimenti