LA POSTADELLA OLGA

La Onta, il capomastro l’onorevole e il gatto

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Alla trattoria dai Onti - scrive la Olga - l'onorevole Forforato, avventore storico del locale, ha spiegato il nuovo decreto del governo per far fronte all'aumento dei contagi. Ad ascoltarlo, oltre alla Onta, c'erano solo quattro clienti, tre muratori e un capomastro che lavorano nelle vicinanze. La Onta sosteneva che per lei la chiusura a mezzanotte era una presa per i fornelli perché a quell'ora è già sotto le cuèrte che rónfa col suo Onto. «A le diése - ha detto - se gh'è ancora qualchedùn sentà a un tàolo, el paro fóra, passo el strassón par tèra e sugo co' la segadùra». L'on. Forforato ha avuto parole di stima per la segadùra, poi ha detto che però il governo col nuovo decreto vuole stroncare la movida, riferendosi ai locali dove la si pratica. «Da noàltri - gli ha risposto la Onta - gh'è un pochetìn de movida a le sié de matina quando vièn i muradóri a béarse la graspa e i se ferma fora a parlàr de dòne. Par el resto l'unica roba che se móe l'è la cóa del gato». L'onorevole si è detto favorevole a che i gatti muovano la cóa perché così fanno vento e disperdono il virus e che il governo, durante i tre giorni di conclave per partorire il nuovo decreto, sentito il parere degli scienziati, se non fosse stato per l'opposizione dei topi, aveva anche pensato di moltiplicare i gatti. Il capomastro, un certo Calsìna, è intervento per dire che il governo, delegando ai sindaci la chiusura delle piazze e strade dove si fa bàito, gioca a scaricavesòto. Intendeva "scaricabarile". «Pàrlelo del coprifógo?» gli ha chiesto la Onta. «E de che altro? - le ha risposto el Calsìna - E gh'è sindaci che no i spetàva altro par métarse in mostra, par fàrghe védar a la gente che i ciàpa in man la situassión, che lóri, al contrario del governo, i gà le bale». «Mi no digo gnente - ha sospirato la Onta - Digo solo che se ghe fusse un nóvo lockdàun la sarìa la roìna par tuti. Se ne vegnésse a mancàr el Nadàl, el me Onto l'à zà dito che el sèra su tuto e che el va spampanàr la segadùra in piassa Bra. E penso che ghe sarìa anca dei tanferugli parché ormai la gente l'è stufa agra». Voleva dire "tafferugli". Il gatto la guardava perplesso con la coda immobile. •

Silvino Gonzato