La Bianca piange sui óvi
Il governo scorda le galline

La Posta della Olga
La Posta della Olga

La Bianca, la moglie del Vacamòra - scrive la Olga - continua a telefonarmi per dirmi che le sue galline stanno facendo uova in quantità industriale e che, non andando nessuno a comprargliele a causa delle restrizioni agli spostamenti imposte dalle misure di contenimento del coronavirus, non sa cosa farne oltre che a continuare a mangiare fritaióni lei e la sua famiglia. Mi dice che se magari io e il mio Gino potessimo andare a trovarla in campagna, ce ne riempirebbe la macchina. «G'avìo la stèssion végon?» mi chiede - Parché alora ghe ne starìa rénto un casìn e ve le darìa a gratis». Le rispondo che abbiamo una Ritmo del '78 e che, comunque, come non si muovono gli altri, non possiamo muoverci neanche noi. «L'è un pecà - mi dice - che al governo, savéndo che i contadini come noaltri de 'sti tempi no i pol vèndar i óvi, no ghe sia vegnù in mente anca de cuzìrghe el cul a le galine che, come tuti i sa, soto Pasqua le ghe ne fa un caréto». Le dico che, non potendo né venderli né regalarli, li potrebbe far covare in modo da avere tanti pulcini e ingrandire così l'allevamento. «Còarli? - mi risponde - No ghémo bastànsa ciòche. Ghe i fago coàr anca a me marì e a me suocera, iè tuto el giorno cucià nel puinàr che i le cóa, ma no l'è che gh'émo tanti culi in casa. Par esempio, i me fiói, el Bifo e l'Olco, no i vol savèrghene. La sa come iè fati i fiói. Par carità, dei me fiói non posso dir gnente. I laóra nei campi sensa risparmiàrse. E pò i tàca a zugatolàr col computer. E mi ghe digo de portàrse el computer nel puinàr così fin che i zugàtola i pol anca coàr, ma da 'sta récia no i ghe sente. Alora éla e el so Gino no podì mia vegnér». Le ripeto che ci andremmo volentieri se non ci fosse il contagio. «E così fazì Pasqua e Pasquéta sensa ovi» mi fa la Bianca. Le rispondo che li troviamo nei supermercati dove è permesso andare. «Sì, ma volla métar i nostri ovi? Qualche volta me marì el fa anca el gal. El le fazéa anca so pare e anca so nono. El canta anca come un gal. Me piasarìa che la le sentesse qualche òlta. Volla che gh'el ciàma al telefono? "Vacamòra vièn a fàrghe el gal a la Olga". Lo sento ostiare in lontananza. «La làssa star, Bianca, sarà par 'n'altra òlta». •

Silvino Gonzato