LA POSTA DELLA OLGA

E in attesa del vaccino,
rénghe, àio e pearóni

La Posta della Olga
La Posta della Olga

In attesa del vaccino che dovrebbe liberarci dal Covid - scrive la Olga - non c'è giorno in cui non legga o non senta di miracolosi prodotti naturali o di diete alimentari che dovrebbero chiudere le porte del nostro organismo alla tragica porcheria che lo sta insidiando.«Gino, guarda qua 'sa i dise» ho detto a mio marito mettendogli sotto il naso un articolo de "La Gronda", il giornale del bareto che, a sua volta, si rifaceva a una notizia pubblicata da un giornale nazionale.«I dise che presto rivarà in farmacia un spray a basso costo fabbricato da una Casa farmaceutica nostrana che basta sprussàrselo in gola par tegnér lontàn el virus». «Pol dàrse - mi ha risposto il mio Gino dopo aver letto - ma mi me fido de più del me compagno de brìscola, el Marzemino Brusalìtri che, come prevensión, tre òlte al giorno el pòcia 'na féta de polenta nel clinto».Mi racconta che al bareto ognuno si cautela a modo suo: «El ragionier Dolimàn el màstega l'àio remenàndoselo in boca come 'na ciùnga e ogni tanto el fa un balonsìn col s-ciòco; el Surla el buta zó un par de bicéri col mànego de graspa de fenòcio che la fa ben anca par el gonfiór de pansa; el cavalier Marandèla el gira co' 'na scarselà de castagne mate e ogni tanto el ghe ne léca una; el Memo Ciupascóndi el va via con un pearón che beca infilà nel de drio...».Il mio Gino mi racconta poi che ogni sera prima di andare a letto il cinese Tan, detto Tano, e sua moglie Lin, detta Wanda, si strofinano il corpo con una rénga che ha il potere di rafforzare le difese immunitarie e che per lo stesso motivo la moglie del geometra Trivèla, la Trivelada, tiene sempre in borsetta una sardèla e ogni tanto la annusa e se la passa anche sulle labbra.«Parché no'l fèto anca ti?» mi ha chiesto. «Dai, Gino - gli ho risposto - séto che spussamento?».Ma mi rendo conto però che in attesa del vaccino, ognuno cerca di difendersi come può e che ci sta anche che qualche Casa farmaceutica cerchi di speculare. La ditta giapponese Fujichefuma sta commercializzando delle trappole per il virus. Si tratta di minuscoli congegni che si ingoiano come una pillola e, quando è il momento, scattano. Una volta catturato il virus, si espellono per vie naturali. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Silvino Gonzato