E dopo qualche
giorno la scuola
richiuderà

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Silvino Gonzato Alla riapertura delle scuole - scrive la Olga - manca poco più di un mese ma «gh'è ancora tuto par aria» come mi conferma el professor Scalcagnato che è appena stato dal falegname Scaiaróla per chiedere cosa gli verrebbe a costare una cattedra co' le ruèle. «Savéa dei banchi co' le ruéle - gli dico - ma de le càtedre l'è la prima che sento». Mi risponde che, infatti, la ministra Azzolina non ha mai parlato di cattedre mobili ma che, temendo lui che gli studenti, giocando all'autoscontro, lo investano e volendo scansarsi all'occorrenza, si è fatto fare un preventivo per ordinarne una a proprie spese. «Vedo che el scórla la testa - gli chiedo - Èlo par via de le mosche o par via del preventivo? Pènselo magari de no stàrghe rénto?». «Scòrlo la testa - mi risponde - parché de la scóla ai nostri governanti no ghe ne frega un tubo, anca par via che tanti de lori iè andà in parlamento sensa passàr dai banchi». E mi fa presente che mentre negli altri Paesi le lezioni sono riprese già a giugno, da noialtri, che siamo i più furbi, si è voluto tiràrla par le longhe. «I nostri studenti, parlo de quei in età da spritz - si agita el professor - iè in giro a far la movida mentre nel resto d'Europa iè gòbi sui libri. Par mesi émo perso tempo discutendo de metri statici e metri dinamici, de ruèle, de lavagne stabili o da corsa, de profe digitali o in carne e ossi...». Lo avverto che se si arrabbia gli va su la pressione. «Altro che pressión - mi risponde - Me màstego la bile, me màstego tuto. Gh'è presidi che i sta diventando mati e i pensa de ripropór la didatica a distànsa. Altro che ruèle! Tante aule iè così stréte che ghe vorìa i banchi a castèl». Gli chiedo che cosa ne pensa del fatto che a settembre, a lezioni appena cominciate, le scuole dovranno richiudere perché ci saranno le elezioni regionali e il referendum che si sarebbero dovuti tenere in questo mese. «'Sa posso dìrghe, Olga - mi risponde - ghe sarìa tanti posti par far votàr la gente, come le caserme, i ufici comunali, le circoscrissión, ma ghe vol testa e pó gh'è de mèzo la burocrassìa che la scampa a ogni virus e a ogni maledissión. E, comunque, l'è un altro indìssio che, a ci ne comanda, de l'istrussión dei nostri fiói no ghe ne frega un figo séco». •

Silvino Gonzato