Il green pass, la Fedora e il sacrestano magnapreti

La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga

Mi chiama la Fedora - scrive la Olga - e mi chiede: «Cosa sarésselo el green pass?». Lo pronuncia come si scrive, non «grin» come si dovrebbe. Le rispondo che è un lasciapassare che si ottiene solo dopo la doppia vaccinazione, un documento che ti permette di viaggiare liberamente e di accedere a fiere e concerti, di entrare allo stadio, di andare a matrimoni, battesimi e funerali, e che si sta pensando di renderlo obbligatorio anche per entrare nei ristoranti, nelle pizzerie e nei bar, nei cinema, nei teatri, nelle discoteche, forse anche nelle chiese. «E ci no l'è vacinà el se le ciàpà in quel postesìn?» mi fa la Fedora. «’Na roba del genere - le rispondo - In Francia l'è così e noaltri stémo copiando da lori». La Fedora tace per un attimo. Capisso che l’è folgorà da un'intuissión, uno de quei spiansìsi che ogni tanto ne vièn nel sarvèl. E, infatti: «Ma così l'è come se el vacìn el fusse obligatorio parché quei che no vol fàrselo i resta taià fora da tuto, anca da ’na pisséta». Le confermo che è proprio così e che la cosa è stata studiata apposta perché tutti corrano a vaccinarsi. Farsi fare la doppia punturina in teoria non è obbligatorio ma in pratica lo è se vuoi avere la libertà di fare una vita normale. In Francia, in un solo giorno, si sono prenotati un milione di giovani. La ghe spussarìa de no andàr a balàr, de no podér far bàito al mar, de no podér béarse ’na bireta. «La me spussarìa anca a mi se fusse 'na pischèrla» mi fa la Fedora. «E i no vax de le nostre bande cossa dìseli?» mi chiede. «No so gnente, ma credo che i se sia convinti a descuèrzar el brassìn, magari no i le dirà mai de èssarse vacinà. Me ricordo che el Pino, socialista de la prima ora, l'à dovù farse de scondón la tessera dc par catàr laóro in un certo posto ma che l'à negà par tuta la vita». La Fedora mi racconta che il suo povero marito, pur essendo comunista e magnapreti, ma avéndo bisogno de magnàr, era riuscito a farsi assumere come sacrestano solo dopo essersi fatto vedere a messa per un anno intero sul primo banco. Le rispondo che nella vita, a fronte di certe necessità, bisogna essere pronti a cambiare idea o a far finta di averla cambiata.

Silvino Gonzato

Suggerimenti