Giusto proibire il fumo ma anche il rutto e il fischio

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Il mio Gino - scrive la Olga - mi chiede se l'ordinanza contro il fumo all'aperto che sta preparando Sboarina riguardi anche la pipa. Non essendo il mio Gino un fumatore di pipa ma solo di qualche rosegòto de toscàn ogni tanto, gli chiedo il motivo della domanda. Mi risponde che siccome la pipa la fuma el cavalier Marandèla, questi è preoccupato perché l'unico posto in cui può fumarla è all'aperto. Se, infatti, lo fa a casa, la moglie gli liscia la schiena con la méscola par le paparèle. «Va ben - dico al mio Gino - se al Marandèla quando l'è fora de casa ghe scapa da pipàr, el pol sempre scóndarse e pipàr contro un muro». D'altra parte, il sindaco ha ragione a vietare qualsiasi comportamento che possa trasmettere il virus. Perché mai dovrebbe essere permesso di togliersi la mascherina per fumare? Tanto più che, soffiando fuori il fumo, spampàni il virus nell'aria. Resta il fatto che, essendo vietato il fumo nei locali pubblici già dal 2003, se adesso lo si vieta anche all'aria aperta, non restano che le proprie abitazioni, ma se il mio Gino prova a fumarmi el toscàn in casa ciàpo in man la méscola come la moiér del Marandèla. I fumatori, per via della sigaretta, del toscàn o della pipa pensavano di poterla fare franca, di essere esentati dall'indossare la mascherina, almeno per il tempo della fumata, tempo che non ha limiti se uno, come el Turco del bareto, fuma trenta sigarette al giorno. Ho visto uscire dal portone di una via del centro un noto politico con in bocca un sigarone cubano spento. Non aveva da accenderlo e allora chiedeva soccorso ai passanti. Ma guarda, mi sono detta, questi qui dettano le regole e poi se ne infischiano delle stesse. Se fossi il sindaco emetterei anche un'ordinanza per evitare il rutto al tavolo del ristorante. Può capitare che mangiando, pratica che per ora è esente dall'uso della mascherina, a uno gli scappi un rutto discreto o sonoro. Il comitato scientifico finora non ha preso in considerazione il rutto e a me sembra una lacuna non da poco. Io, se fossi il sindaco, proibirei anche il fischio. C'è un mona sotto casa mia che fischietta sempre. Porta la mascherina ma credo che non serva a niente perché il fischio la trapassa. Oltretutto mi dà sui nervi. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Silvino Gonzato

Suggerimenti