El dotór Bugànsa sotto assedio

La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga

El dotór Bugànsa - scrive la Olga - è uno dei tanti medici di base presi d'assalto dai pazienti che sperano di strappargli un certificato di esenzione dal vaccino. Sono le ultime ore prima dell'entrata in vigore dell'obbligo del Grin Pass per i lavoratori, e l'offensiva è asfissiante. Òmo straco per indole, el dotór Bugànsa el strapéga la léngua par tèra. Lo vedo con la schiena appoggiata a un platano a due passi dallo studio. Sta mangiando un panéto con la bóndola che si è portato da casa e ogni tanto tira fuori dalla tasca del camice una bottiglietta di birra per buttarne giù un sgorlón. «Bongiorno dotór, èlo in ricreassión?», «Sìnque minuti de tregua e pò me ribùto ne la bolgia. Se avesse savù che me sarìa capità 'na roba del genere, invése de far el dotór, avarìa fato el tranviér. La guarda che cóa che gh'é fora da la porta». E in quel poco tempo che ha, el dotór Bugànsa mi racconta che i pazienti si inventano i casi più disperati per poter svicolare dal vaccino e avere il tampone gratis: «Ma gh'è anca ci me mostra la léngua sporca, ci me mostra un brùfolo, ci me dise che l'è alergico a le banane, ci me dise che el gà l'asma e mi ghe méto 'na récia sul stómego e no sento né fischi né s-ciochéti né pantesamenti, ci me dise che el g'à el fià che spussa. 'Na dòna l'à ma dito che la me denuncia parché l'ò catà sana come un pesse e la m'à sgrafà 'na ganassa. Par carità, gh'è anca ci gà robe serie e no'l pól vacinàrse, ma finora ghe n'ò catà solo uno». Dico al dotór Bugànsa che il mio Gino... «Eh, no - mi fa - anca lu el vol svicolàr?». «No, cossa àlo capìo? El gavarìa bisogno de n'a visitina par le maròidi, quando el tossisse le ghe fa mal. «Ch'el làssa lì de tossìr» mi fa. Un pochetìn sgobatàndo, col camice bianco sbottonato che gli svolazza, el dotór Bugansa si dirige verso lo studio. «Gò dirìto al laóro!» gli grida in faccia un omón grasso. Una butelòta coi gins sbusi, probabile No Vax, gli sbatte in testa la Costituzione, come se il gesto bastasse per avere l'esenzione. Una signora di mezza età si stringe al petto il gatto. «El veterinario l'è ne la piàssa vissìn, no stè portàrme anca le bestie, me bastè voaltri» si spazientisce el dotór Bugànsa. La bottiglietta di birra gli sporge ciondolando dalla tasca. La sua voce è rassegnata: «A ci ghe tòca?»

Silvino Gonzato