E le comari de San Zen discutono di vaccini

La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga
La Posta della Olga

Quando si ritrovano in piazza - scrive la Olga - le allegre comari de San Zen discutono un po' di tutto ma da parecchie settimane a tenere banco sono i vaccini. La Pina, la Imelda e la Ines si sono vaccinate, la Flora ancora no perché è titubante e le altre comari tentano di convincerla. «Mi gò fato l'AstraStènega - dice la Pina - e m'è vegnù solo un po' de féara. El me dotór el m'a dito de tór la Pirina e la m'è passà de bòto. E voaltre - chiede la Pina alla Imelda e alla Ines - de che marca l'avìo fato el vacino?». La Imelda risponde che avrebbe preferito fare il Piffer ma che anche a lei hanno fatto l'«Astra-Zèlica». «M'è vegnù un pochetìn de cagoto, ma la matina dopo stavo zà benón». La Ines racconta invece che le hanno fatto la Giòn mentre suo marito, Rodolfo, è stato più fortunato perché gli hanno fatto il Moderno «che l'è più avanti dei altri parché i le fa nel Massaciùce dove i buta su i missili su la luna». «Magari el g'avarà avù conossènse» le fa la Imelda. «Lu el dise de no - risponde la Ines - ma penso che l'àbia aiutà el fato de avérghe la tessera da socialista. Te sè, nel Massaciùce iè tuti socialisti». La Flora ascolta le amiche e scuote la testa. «Sa ghèto da scorlàr?» le chiede la Pina. «Prima o dopo me tocarà farlo - risponde - ma me trema la sbéssola a pensàrghe. E se òlto ia?». «No te òlti ia, no - le fa la Imelda - Te te spaènti par gnente. Te ghe slónghi el brasso all'infermiér, el te fa la puntura e te vien fora che te si contenta». «No le fai mia sul cul?». «Cossa?». «La puntura no le fai mia sul cul?». Le altre comari si mettono a ridere. «Gnente cul te te scuèrzi el brasso e l'è fata». La Flora è perplessa: «Preferirìa sul cul. No parché me piàsa mostrarlo ma parché le punture de solito le se fa lì». Le amiche le spiegano che i vaccini si fanno nella parte alta del braccio «dove t'è fato el veról da picola». La Flora chiede se può scegliere, come succede nel Lazio dove tutti hanno scelto il Piffer. «Quel che te tóca te tóca - le risponde la Pina». «E se vago là e ghe dico: vorìa el Giòn?». Le amiche le spiegano che in questo caso le diranno di passare quando c'è il Giòn ma che così perde tempo e che al mare ci si va solo col grin pass. «Alora me covièn notàrme» dice la Flora. Le trema la sbèssola ma pare convinta.

Silvino Gonzato

Suggerimenti