Bolla: «I problemi della filiera del prosecco rischiano di minare il successo avuto negli Usa»

PierLuigi Bolla

Pierluigi Bolla, presidente e ad di Valdo Spumanti: «Sul mercato americano il consumo sta calando, dal punto di vista della distribuzione è complicato perchè il mercato risente ancora del protezionismo degli anni '40. Qui negli anni '70 e '80 c'è stato il boom dei vini bianchi italiani. Nei primi anni del 2000 c'è stato il cambiamento da vino bianco verso le bollicine, prosecco in primis. Ogni generazione, lo dice la storia del vino, ha i suoi gusti. Il prosecco si è caratterizzato anche per la sua capacità di diventare un vino da evento gioioso, qualcosa da bere per festeggiare un evento positivo. I problemi che ci sono oggi nella filiera del prosecco possono minare la continuità del successo conquistato da questo vino. Il mercato americano non perdona gli errori»

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati