Il presidio

L'appello dei rider da piazza Bra: «È un mestiere che va regolamentato, non boicottato»

Il presidio promosso dall'associazione Yanez! dopo il caso del fattorino che aveva fatto 50 km in bici
Rider in piazza Bra
Rider in piazza Bra
Rider (Bazzanella)

Sofia Modenese, portavoce dell'associazione Yanez! Verona ha appena lanciato un appello in piazza Bra per tornare a chiedere la cosiddetta Casa del rider.

 

Leggi anche
Il rider si fa 50 chilometri in bici per una consegna. Bassi: «Una vergogna che va fermata»


Dopo il caso sollevato dall'ex assessore Andrea Bassi sul ciclofattorino costretto a percorrere 50 chilometri per un consegna, e la dichiarazione dello stesso rider che rivendica l'amore per il suo lavoro, per Yanez e Fit Cgil è infatti giunto il momento di aprire un tavolo di confronto con il Comune non certo per boicottare il lavoro di corriere tramite app, quanto per regolamentare una tipologia di servizio che presenta ancora molte zone d'ombra per la tutela della dignità di chi si presta a svolgerlo.

«Serve uno spazio pratico, sicuro e utile per la socializzazione dei molti giovani che si prestano al servizio», evidenzia Modenese. «La maggior parte sono stranieri e ventenni ed è importante che siano sostenuti nella rivendicazione dei loro diritti».

Chiara Bazzanella

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati