la tradizione si rinnova

Mercatini di Natale, dalla montagna fino... al mare: ecco quali sono i più originali in Italia

Le bancarelle che espongono artigianato e prelibatezze locali affondano le loro radici addirittura nel Medioevo. Oggi ne esistono migliaia di versioni: c'è solo l'imbarazzo della scelta
Il mercatino di Natale a Canale di Tenno
Il mercatino di Natale a Canale di Tenno
Il mercatino di Natale a Canale di Tenno
Il mercatino di Natale a Canale di Tenno

Luci colorate, profumi, prelibatezze fumanti e oggetti del desiderio in bella mostra: in una parola, festa. I mercatini di Natale rappresentano l'"antipasto" delle festività che si rispettino, la cornice migliore per entrare nel "mood" natalizio. E con l'Avvento, non c'è città (dal più piccolo borgo da cartolina alla metropoli più cosmopolita) che non dedichi una piazza o una via al folklore delle tipiche casette di legno che strabordano di addobbi fatti a mano, oggettistica in legno e chioschi che propongono una tazza di cioccolata calda o vin brulè bollente.

La tradizione

La storia dei mercatini di Natale affonda le sue radici nel basso Medioevo, più precisamente nel Dezembermarkt (mercato di dicembre) di Vienna: era il 1290 e l'imperatore Albrecht I concesse ai negozianti la possibilità di organizzare un mercato per un paio di giorni all'inizio dell'inverno, per fare provviste per i mesi più freddi. I Wintermarkt cominciarono così a diffondersi in tutta Europa: Monaco nel 1310, Bauzen nel 1384 e Francoforte nel 1393. Ma il più importante per l'epoca sembra fosse quello di Dresda, nato nel 1434.

A decidere di accostare i mercatini invernali alla data del Natale sembra invece essere stato Martin Lutero: prima di lui i doni venivano infatti scambiati il ​​6 dicembre, il giorno di San Nicola, o il giorno di San Martino, l’11 novembre. Nel 1531, il riformatore protestante tedesco suggerì che la data più appropriata per scambiarsi i doni fosse invece quella della nascita di Cristo, piuttosto che la festività legata a un santo. Fu così che i mercatini di Natale divennero Christkindlmarkt, cioè Mercatini di Bambin Gesù. Ancora oggi la maggior parte termina, infatti, il 24 dicembre, mantenendo viva questa connotazione legata al Natale e al periodo dell'Avvento.

Oggi i Mercatini di Natale, tra il Belpaese e l'Europa, si contano a migliaia. Ma quali sono i mercatini di Natale più belli e originali d'Italia? Li abbiamo selezionati per voi.

 

A Merano San Nicolò arriva con i Krampus 

È un’edizione speciale, questa, per i Mercatini di Natale di Merano, che fino al 6 gennaio festeggiano i 30 anni con la "passerella" di banchetti sulla Passeggiata Lungo Passirio, in piazza Terme, al Villaggio Natalizio in piazza della Rena, ma anche nelle strade e sotto i Portici, nelle vetrine e nei bistrò. Per i bimbi, il must o la pista di pattinaggio su ghiaccio, una delle più grandi d'Europa. Mentre i grandi, possono prenotare un pranzo o una cena dentro le amatissime Kugln, 6 grandi sfere colorate (prenotazioni scaricando l’app sul sito www.termemerano.it).

E il 5 e il 6 dicembre ai Mercatini faranno irruzione anche i Krampus dell’associazione “Alfagortuifl” (nella seconda occasione ci sarà anche San Nicolò). Con i campanacci che li preannunciano, queste figure radicate in profondità nel folclore popolare dell’area alpina, sono i “demoniaci” personaggi che accompagnano San Nicolò. Mentre il santo patrono di Merano dalla lunga barba bianca dona dolci ai bambini buoni, i Krampus si divertono a mettere paura ai passanti.

Un’usanza che si perde nella notte dei tempi: i contadini temevano demoni e spiriti soprattutto durante le lunghe ore di buio invernale e così scolpivano maschere di legno spaventose e si legavano addosso dei campanacci per scacciare le cattive presenze: un costume che s’è mantenuto nei secoli.

 

Info: https://mercatini.merano.eu/mercatini-natale-merano
mail: info@merano.eu tel: +39 0473 272000

 

Ad Avio, il mercatino dentro le mura di un castello medievale

Sentieri nascosti, enigmi da risolvere, storie e leggende da raccontare. Fino al 18 dicembre il maniero posto all’ingresso del Trentino ospita uno dei mercatini più suggestivi della regione. Quattro weekend e un’apertura straordinaria il giorno dell’Immacolata per godere dei sapori e delle tradizioni del Natale Trentino e delle animazioni previste nel Palazzo Baronale e nel suo ampio cortile. A corredo del tradizionale mercatino anche concerti corali, spettacoli itineranti, attività per bambini e visite guidate alle sale del maniero.

Castello di Avio
Via al CastelloSabbionara di Avio (TN)
T: +39 0464 684453
faiavio@fondoambiente.it
www.castellodiavio.it

 

 

Ad Asti tra Elfi, il Re Tartufo e le luminarie 3D

Ad Asti, il «Magico Paese di Natale» lo scorso anno è stato l'unico italiano selezionato tra i dieci migliori mercatini natalizi d'Europa secondo l'associazione internazionale di promozione turistica European Best Destinations. Per tutti i weekend (e durante il ponte dell'Immacolata) è allestito quello che punta a diventare il più grande mercatino di Natale d'Europa. Protagonista (non poteva che essere così) anche «Re Tartufo», con le casette di produttori locali d'eccellenza. Novità 2022 la ruota panoramica di 35 metri, la più grande del suo genere in Italia.

A Govone, immerso nelle colline piemontesi di Langhe e Roero, col calare della sera si accendono invece le luminarie natalizie 3D in tutta l’area del castello (compresa una stella cometa di 17 metri): i biglietti di ingresso della Casa di Babbo Natale per gli spettacoli a partire dalle 18 sono scontati e acquistabili ad un unico prezzo di 7€ anziché 10€ per grandi e bambini. Infine, Govone sarà anche il teatro della "Scuola degli Elfi", un percorso-gioco della durata di circa mezz’ora composto da cinque tappe in cui i bambini parteciperanno a giochi e attività divertenti per ricevere il diploma di "Elfi professionisti".

Mercatino di Asti: 8-9-10-11  e 15-16-17-18 dicembre
Spettacoli Govone: 8-9-10-11  e 17-18 dicembre

 

Il Trenatale del Renon

Fino al 30 dicembre è aperto un mercatino veramente speciale: il Trenatale del Renon. Dalle originali casette a forma di vagoni del treno originale del Renon si vedono brillare prodotti tipici fatti a mano. Un mercatino soave e nostalgico vicino alla stazione di Soprabolzano e nel paese di Collalbo, lontano dalla confusione e dal rumore delle grandi città e dei grandi mercatini natalizi. Per la prima volta quest'anno il maso storico, il Museo d'apicoltura Plattner a Costalovara fa parte del Trenatale. 

Prendete la funivia del Renon da Bolzano a Soprabolzano e camminate o prendete il trenino del Renon fino al maso Plattner a Costalovara. Troverete ottimi prodotti di miele e tanti oggetti di artigianato. Durante il periodo del Trenatale l'ingresso al museo è gratuito e si riceve un punch di benvenuto. E ogni sabato e l' 8 dicembre c'è un'altra particolarità: Heike Vigl racconta storie di Natale.

Info: Trenatale del Renon si svolge a Soprabolzano, a Collalbo e a Costalovara al Maso Plattner: 8, 9, 10 e 11 dicembre 2022; 16, 17 e 18 dicembre 2022; 23 dicembre 2022, 29 e 30 dicembre 2022, gli orari: sabato, domenica e 8, 9, 29 e30 dicembre: dalle ore 10.00 alle ore 18.00 venerdì: dalle ore 15.00 alle ore 18.00 a Soprabolzano e a Collabo.

Associazione turistica Renon Tel: 0471.356100 / 0471.345245

www.trenatale.it

 

 

A Lignano un Natale d'A...Mare con il Presepe di sabbia

Per i più alternativi, i mercatini di Natale si trovano anche, ebbene sì, al mare. Come a Lignano Sabbiadoro, una delle più note località balneari dell'Adriatico, dove dall'8 dicembre debutta (per un mese esatto) il «Villaggio del Gusto di Natale».

Al Mercatino organizzato sul Lungomare Trieste, le casette ospitano artigiani, vivaisti, creativi. In Piazza Fontana è presente il grande Albero di Natale, le luminarie e la musica natalizia per una suggestiva atmosfera del Natale. Nel Parco San Giovanni Bosco viene allestito il Villaggio di Babbo Natale per i più piccini. 

Da non perdere il famoso Presepe di Sabbia di Lignano Sabbiadoro, giunto alla sua 19° edizione. che quest'anno avrà una nuova location all'ufficio spiaggia nr. 6, di fronte al Parco San Giovanni Bosco. Le opere sono realizzate senza l'uso di colle o altri materiali simili per il mantenimento ma viene usata solo dell'acqua, sabbia e una grande capacità nel comprimere la sabbia con grande cura.

Info: dall'8 dic 2022 all'8 gen 2023
Presepe di sabbia: dall'8 dic 2022 al 5 feb 2023

 

 

A Canale di Tenno i banchetti sono... nella stalla

Che il Trentino Alto Adige sia la regione dei Mercatini con la "R" maiuscola non è un segreto. Ma se, anche qui, oltre alla tradizione cercate l'originalità, il mercatino di Natale di Canale di Tenno (Trento) è uno dei più particolari dell'intera regione. Le bancarelle, la gastronomia tipica e l'artigianato qui sono esposti all'interno delle botteghe, delle case e delle stalle del borgo.

Arrivare a Canale di Tenno significa fare un viaggio nel tempo tra vicoletti, discese e salite, sottopassi e volte a botte: un vero pezzo di medioevo rimasto praticamente intatto fino ai giorni nostri, oltre che uno dei borghi più belli d'Italia. Arroccato su una collina sul versante Trentino del lago a soli 5 chilometri da Riva del Garda, ci vivono poco più di 50 persone.

Il mercatino di Natale a Canale di Tenno
Il mercatino di Natale a Canale di Tenno

Al mercatino si vendono prodotti artigianali locali e tanti laboratori mostrano le creazioni artigianali. Poi ci sono laboratori per bambini e i prodotti trentini e tennesi imperdibili tra cui il piatto tipico, la carne salada. E poi canederli e speck, formaggi locali e gnocchetti verdi alla moda di Colognola (ovvero conditi con carne salada). Il 26 dicembre alle 14 non perdete il Presepe Vivente, che insieme alla Natività mette in scena gli antichi mestieri del borgo.

Info: fino al 19 dicembre tutti i gironi dalle 9 alle 18. 

Bressanone, musical di luci con Liora e Monsieur TickTack

Se oltre agli splendidi mercatini ai piedi della Hofburg, aperti fino al 6 gennaio 2023, cercate qualcosa di più, la vostra meta ideale è Bressanone: durante le festività, infatti, la città diventa il palcoscenico del light musical «Liora», in scena sul palcoscenico del cortile interno della magnifica Hofburg, il Palazzo Vescovile della terza città dell’Alto Adige.

Dal 24 novembre 2022 al 7 gennaio 2023, la protagonista Liora ritrova la felicità perduta in un momento buio della sua vita, con l'aiuto del personaggio fantastico di Monsieur TickTack. La storia si avvale di effetti visivi, luminosi e musicali, oltre al canto dal vivo. In 25 minuti, gli spettatori vengono trasportati in un mondo magico che racconta la paura delle persone di perdere momenti e ricordi belli chiudendoli così in cassaforte.

Per la prima volta quest'anno al mercatino di Bressanone focolari aperti e posti a sedere renderanno quest'area delimitata più accogliente. Particolarmente suggestiva è la visita al Museo dei Presepi nella Hofburg, non lontano dal mercatino di Natale.

Info: LIGHT MUSICAL LIORA Dal 24 dicembre al 7 gennaio 2023 Domenica-giovedì: 17:30 spettacolo in tedesco, 18:30 spettacolo in italiano. Venerdì-sabato e festivi 17:30 in tedesco, 18:30 in italiano, 19:30 in italiano.

 

Lo spettacolo di luci per il Natale di Bressanone
Lo spettacolo di luci per il Natale di Bressanone

Gubbio accende l'albero di Natale più grande del mondo

Per tutto il periodo delle festività Natalizie, l'appuntamento a Gubbio è con il ChristmasLand. La città si trasforma in un vero e proprio villaggio di Natale con mercatini di Natale in piazza dei Quaranta Martiri. Gubbio merita sicuramente una visita per ammirare l'Albero di Natale più grande del mondo che ogni anno viene realizzato sulle pendici del Monte Ingino, proprio sopra la città di Gubbio.

L'albero da Guinness, composto da più di 700 sorgenti luminose, alto 750 metri e che occupa uno spazio di 130 mila metri quadri, parte dalle mura della città medievale e arriva fino alla Basilica di Sant’Ubaldo che si trova in cima alla montagna. L'Albero di Natale di Gubbio come da tradizione viene acceso ogni anno il 7 dicembre nella vigilia del giorno dell'Immacolata.

 

 

A Limatola il castello diventa un «Cadeaux»

Cadeaux al Castello di Limatola (Benevento) è un mercatino di Natale medievale. Fino all'11 dicembre 2022 il castello si trasforma in un luogo incantato segnato da un percorso magico di luminarie, animato dalle danze medievali, da artisti di strada, mestieri medievali, gastronomia della zona e ovviamente dal mercatino di Natale.

Per accedere ai Mercatini di Limatola bisogna pagare un biglietto d’ingresso. Dal lunedì al venerdì il costo del biglietto è di 8 euro, mentre il sabato e la domenica si aggira intorno ai 10 euro durante la mattina e 15 euro nel pomeriggio. I biglietti sono acquistabili sul sito ufficiale dell'evento.

Info: fino all'11 Dicembre accesso dal lunedì al giovedì dalle 10 alle 22. Nei weekend, da venerdì a domenica la magia continua fino alle 23.30.

 

 

Candelara, il mercatino a lume (e profumo) di candela

Infine, un originale quanto romantico mercatino a lume di candela. Raggiungete il borgo di Candelara sulle colline intorno a Pesaro, nelle Marche, per scoprire questo insolito mercatino. Limitato a una sola settimana tra novembre e dicembre, quest’anno Candele a Candelara ha portato nel borgo marchigiano oltre sessanta tipiche casette in legno, disposte lungo la cinta muraria del castello, rischiarate dalla luce delle candele di ogni forma e profumazione.

Dopo l’arco d’ingresso al castello si entra in una via dedicata ai presepi, mentre le sculture in ferro battuto che rappresentano i personaggi della Natività, ornate da centinaia di candeline, affollano le vie del borgo. Nella bottega degli elfi, i bambini possono realizzare candeline o scrivere lettere per Babbo Natale, che li aspetta all’esterno nella sua casetta. Non mancano animazioni musicali, trampolieri e animali da cortile da poter accarezzare. Infine, la passeggiata si fa davvero indimenticabile quando l’illuminazione elettrica si spegne e si rimane al buio tra le luci tremolanti di migliaia di candele.

Info: 8-9-10-11 dicembre 2022
www.candelara.it/programma

 

 

Elisa Pasetto

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati