IL PROBLEMA

Verona, slalom in centro fra gli escrementi dei cani: «Per favore, usate i sacchettini»

Prima regola: educazione e rispetto

«Mi sono ritrovato il negozio cosparso di escrementi, abbiamo passato una mattina a pulire. Ma perché le persone si comportano così?». A parlare è un negoziante che ha la sua attività in centro a Verona e che, pur amando gli animali, deve fare i conti con persone poco educate che portano a passeggiare i cani e poi si «dimenticano» di pulire, facendo correre il rischio ai passanti di creare infiniti disagi nel momento in cui si varcano le porte di negozi e bar.

 

«Usate i sacchettini»

Si torna quindi a chiedere ai tanti proprietari di cani di ricordarsi le regole di base del rispetto e della buona educazione: «Non serve molto, basterebbe uscire con i sacchettini appositi e lasciare il marciapiede pulito, pensando a chi passerà dopo». Una buona abitudine che sembra essere stata accantonata, nonostante si insista da sempre sull’importanza del rispetto degli spazi comuni. E a sottolineare la necessità di regole e di comportamenti corretti sono soprattutto gli stessi amanti degli animali.

«Per colpa delle persone poco educate ci rimettiamo tutti, e va a finire che la presenza stessa degli animali venga vista come fastidiosa e scomoda», commenta una signora che incontriamo durante una passeggiata in città in compagnia del proprio cane. «Già ai tempi della pandemia, quando gli unici a poter uscire regolarmente erano i cittadini che accompagnavano gli animali di casa a fare il giretto quotidiano, si era registrato un picco di ‘maleducazione’, con strade addirittura non percorribili e un grande disagio per tutti. Il problema continua a diffondersi, e rientra purtroppo in un generale atteggiamento di poco rispetto verso gli altri». Anche se si è parlato già più volte di questo tema, dunque, l’appello si rinnova: un piccolo sforzo da parte di tutti sarebbe utile. I sacchettini sono distribuiti anche da Amia e sono a disposizione nelle aree cani, altro luogo che necessita, forse più di tutti gli altri, di essere in condizioni igieniche decorose, per scongiurare la diffusione di virus che possono causare ai visitatori dei parchi, i nostri cani dunque, seri pericoli di salute.•. 

Silvia Allegri

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati